Afghanistan: sono 460 i bambini uccisi a causa del conflitto nei primi sei mesi di quest’anno

2 minuti di lettura

04/11/2021

Secondo le notizie ricevute dall'UNICEF, nove membri di una famiglia, tra cui quattro bambine e due bambini, sarebbero stati uccisi ieri mattina quando un residuato bellico esplosivo è scoppiato all'interno di una casa a Kunduz. Altri tre bambini sarebbero stati feriti.

Secondo quanto riferito, uno dei bambini, senza saperlo, ha portato l'ordigno inesploso in casa dopo averlo trovato nel campo vicino alla loro casa.

I bambini sono particolarmente vulnerabili ai residuati bellici esplosivi. Incapaci di identificare i residuati esplosivi, sono troppo spesso tentati di giocare con questi oggetti o di usarli per raccogliere un piccolo introito, il che espone loro e le loro famiglie a grandi rischi.

Questo incidente sottolinea l'imperativo urgente di eliminare gli ordigni e i residuati bellici esplosivi e di sensibilizzare le comunità sui rischi.

Il numero crescente di morti di bambini ci ricorda duramente che proprio loro continuano a pagare il prezzo di un conflitto che non hanno causato.

Più di 460 bambini sono stati uccisi a causa del conflitto nei primi sei mesi di quest'anno. Queste sono solo le morti che le Nazioni Unite sono state in grado di verificare.

L'UNICEF esorta tutte le parti interessate a compiere ogni sforzo per proteggere i bambini e i civili. La sicurezza e la protezione dei bambini devono essere la considerazione primaria in tutti i contesti.
Tutte le forme di violenza contro i bambini devono cessare immediatamente.

Dichiarazione di Alice Akunga, Rappresentante ad interim dell’UNICEF in Afghanistan

04/11/2021

News ed Aggiornamenti

Salva i bambini con 9 euro al mese: 800 90 00 83

Chiama