Acqua come arma di guerra, a secco 2 milioni di civili ad Aleppo

2 minuti di lettura

23/09/2016

24 settembre 2016 - Quasi 2 milioni di persone nella città siriana di Aleppo sono, ancora una volta, senz'acqua corrente

Gli intensi raid di giovedì notte hanno danneggiato la stazione di pompaggio di Bab al-Nayrab che fornisce acqua a circa 250.000 abitanti nella parte orientale di Aleppo. Le ostilità stanno impedendo alle squadre di tecnici di raggiungere la stazione per effettuare le necessarie riparazioni. 

Per ritorsione, la stazione di pompaggio di Suleiman al Halabi, che si trova nei quartieri orientali, è stata disattivata, tagliando così l’erogazione dell'acqua a 1 milione e mezzo di abitanti nella parte occidentale della città.

Privare i bambini dell’acqua potabile li espone al rischio di letali epidemie di malattie trasmesse dall'acqua e aggiunge nuova sofferenza alla paura e all'orrore che i bambini di Aleppo già devono affrontare ogni giorno.

Nella parte orientale di Aleppo, la popolazione dovrà ora ricorrere all'acqua estratta da pozzi che sono gravemente contaminati. Nella parte occidentale, fortunatamente, i pozzi artesiani assicurano una fonte d'acqua alternativa sufficientemente sicura.

L'UNICEF intensificherà la distribuzione idrica tramite autocisterne in tutta la città, ma questa è una soluzione di emergenza, non sostenibile nel lungo periodo.

Per la sopravvivenza dei bambini è fondamentale che tutte le parti in conflitto cessino gli attacchi contro le infrastrutture idriche, diano l'accesso ai tecnici che devono valutare e riparare i danni alla stazione di Bab al- Nayrab, e facciano ripartire la stazione idrica di Suleiman al-Halabi.
 
(dichiarazione di Hanaa Singer, Rappresentante UNICEF in Siria).

23/09/2016

News ed Aggiornamenti

Chiama Ora il 800 91 42 49 e dona 9 euro al mese!

Chiama