Attacco contro l'ospedale pediatrico a Mariupol: “Non sappiamo ancora il numero delle vittime, ma temiamo il peggio”

1 minuto di lettura

10/03/2022

"Sono inorridita dall'attacco che ci è stato segnalato contro un ospedale di maternità a Mariupol, in Ucraina - un attacco che avrebbe lasciato bambini e donne in travaglio sepolti sotto le macerie degli edifici distrutti. Non sappiamo ancora il numero delle vittime, ma temiamo il peggio.

Questo attacco, se confermato, sottolinea il terribile tributo che questa guerra sta imponendo ai bambini e alle famiglie dell'Ucraina. In meno di due settimane, almeno 37 bambini sono stati uccisi e 50 feriti, mentre più di 1 milione di bambini sono fuggiti dall'Ucraina nei paesi vicini.
Gli attacchi contro i civili e le infrastrutture civili - compresi gli ospedali, i sistemi idrici e sanitari e le scuole - sono irragionevoli e devono cessare immediatamente.

L'UNICEF rinnova il suo appello per un immediato cessate il fuoco ed esorta tutte le parti a rispettare i loro obblighi ai sensi del diritto internazionale umanitario per proteggere i bambini dalle violenze e per garantire che gli attori umanitari possano raggiungere in sicurezza e rapidamente i bambini in difficoltà.
I bambini dell'Ucraina hanno un disperato bisogno di pace".

Dichiarazione del Direttore generale dell'UNICEF, Catherine Russell

10/03/2022

News ed Aggiornamenti

Salva i bambini con 9 euro al mese: 800 90 00 83

Chiama