Bangladesh, incendio nel campo profughi rohingya a Cox's Bazar

2 minuti di lettura

11/01/2022

L'UNICEF è profondamente addolorato e offre il suo supporto alle migliaia di rifugiati rohingya colpiti dall'incendio scoppiato nei campi per rifugiati il 9 gennaio a Cox's Bazar, in Bangladesh. L'incendio che ha attraversato il campo 16 ha bruciato 300 rifugi e ne ha danneggiati altri 500. Anche la comunità ospitante vicino al campo è stata colpita. Due centri di apprendimento sostenuti dall'UNICEF per i bambini rifugiati rohingya e quasi 200 strutture per i servizi idrici e igienico-sanitari sono state danneggiate.

Non ci sono state segnalazioni di vittime e gli sfollati a causa dell'incendio si sono rifugiati nei campi adiacenti. Sette bambini che sono stati feriti nell'incidente stanno ricevendo l'assistenza medica necessaria. L'UNICEF e le organizzazioni partner stanno lavorando sul campo da domenica sera per rispondere ai bisogni immediati e urgenti dei bambini e delle famiglie. Questo include cibo, acqua, servizi igienici, vestiti e attrezzature per i rifugi per le famiglie colpite che hanno perso i loro beni nell'incendio.

La nostra preoccupazione ora è quella di garantire la sicurezza e la protezione dei bambini che sono stati sfollati dai rifugi a causa dell'incendio ed evitare altri potenziali rischi in questo momento di crisi.

L'UNICEF e i suoi partner sono impegnati a garantire che i bambini siano protetti dai rischi per la salute e dalle ferite, e a fornire il necessario sostegno psicosociale. Abbiamo iniziato a creare sportelli di aiuto per i bambini nell'area colpita, e due bambini non accompagnati che erano stati separati sono stati riuniti con le loro famiglie grazie al nostro impegno.

Rimaniamo anche attenti a prevenire ulteriori rischi per i bambini nella zona, compreso il lavoro minorile per la raccolta di detriti e le attività di ricostruzione. I centri di apprendimento e i materiali didattici distrutti erano fondamentali per fornire l'accesso all'apprendimento sicuro ai bambini rifugiati rohingya. Sono in corso operazioni a tutto campo da parte dei partner per garantire che i centri possano essere riavviati al più presto possibile.

L'UNICEF ha anche iniziato a riparare pozzi tubolari danneggiati, latrine, spazi per lavarsi e rubinetti nelle aree colpite. Ringraziamo le autorità locali, i soccorritori in prima linea e tutti i partner il cui instancabile lavoro ha tenuto sotto controllo l'incendio.

Dichiarazione di Sheldon Yett, rappresentante dell'UNICEF in Bangladesh

11/01/2022

News ed Aggiornamenti

Salva i bambini con 9 euro al mese: 800 90 00 83

Chiama