Cantante iracheno nominato Ambasciatore UNICEF

3 minuti di lettura

09/05/2011

«I bambini dell'Iraq hanno patito sofferenze incredibili negli ultimi due decenni. Centinaia di migliaia di loro soffrono privazioni disumane e le conseguenze brutali della violenza». È ora che questa situazione cambi


Sono le parole di Al-Sahir, uno dei musicisti più importanti dell’Iraq e una delle star più seguite della regione.


Da tempo attivo difensore dei diritti dei più giovani in Iraq, ha iniziato la sua attività di sensibilizzazione nel 1998 con 'Tathakkar' ('Ricorda'), una canzone che parla dei bambini coinvolti nel conflitto.


Il brano ha ottenuto un premio dall'UNICEF per aver dato un contributo eccezionale al miglioramento della vita dei bambini in difficoltà. Nel 2004, Al-Sahir ha anche tenuto un concerto di beneficienza per più di 50.000 bambini in Medio Oriente.


"Insieme per i Bambini”


Continuando con questo spirito, il 5 maggio Al-Sahir ha lanciato una nuova canzone, “Insieme per i Bambini”, un invito all'azione per difenderli.


Per sottolineare il coraggio dei bambini in Iraq nel corso degli anni, canta: «Esiste qualcuno che ha patito i disagi che avete patito voi? Avete superato i confini della paura e della privazione


Invitando tutti i settori della società irachena a contribuire a migliorare la situazione dei bambini, aggiunge, «Uniamoci all'UNICEF nella sua marcia per fermare la morte, la malattia, l'abbandono e la povertà.
Aiutiamo i bambini vittime delle guerre. Venite, facciamo qualcosa per far sì che le loro fatiche si trasformino in prosperità. Venite, lavoriamo insieme.»


Problemi che devono affrontare i bambini dell'Iraq


Nel 1970, l'Iraq era uno dei migliori paesi del Medio Oriente e Nord Africa dove un bambino potesse vivere, ma a causa di decenni di guerra e di abbandono, è diventato uno dei peggiori.


Questi sono alcuni dei problemi che devono affrontare in Iraq 15 milioni di bambini:

  • Ogni anno, circa 35.000 bambini muoiono prima di raggiungere il loro primo compleanno
  • Oltre 1,5 milioni di bambini sotto i cinque anni sono denutriti
  • Circa 700.000 bambini non sono iscritti alla scuola primaria, e centinaia di migliaia abbandonano l’istruzione prima di laurearsi
  • 2,5 milioni di bambini non hanno accesso all'acqua potabile, e 3,5 milioni a servizi igienici adeguati
  • Circa 800.000 bambini di età compresa tra i 5 e i 14 anni lavorano
  • Nella sua veste di ambasciatore UNICEF, Al-Sahir si concentrerà sulla situazione dei bambini più bisognosi, che devono affrontare molti di questi problemi


Verso un futuro stabile


«Bisogna agire al più presto per dare ai bambini più indigenti dell'Iraq le opportunità che meritano e che hanno il diritto di avere,» ha dichiarato Al-Sahir. «Creando le opportunità perché questi bambini crescano sani e realizzino il loro pieno potenziale, l'Iraq potrà tornare ad essere uno dei migliori paesi della regione in cui un bambino possa vivere, con la prospettiva di un futuro stabile e prospero per tutti».


Guarda qui il video con cui Al-Sahir lancia la canzone "Insieme per i bambini".

09/05/2011

News ed Aggiornamenti

Chiama Ora il 800 91 42 49 e dona 9 euro al mese!

Chiama