Catherine Russell, Direttore UNICEF: la guerra in Ucraina è una crisi per la protezione dei bambini

5 minuti di lettura

23/03/2022

La guerra in Ucraina è una crisi per la protezione dei bambini. Abbiamo visto tutti le immagini. Niente è al sicuro dagli attacchi e nulla è sacro. Scuole, asili, orfanotrofi, ospedali di maternità, sistemi idrici, centrali elettriche, teatri. Ora ordigni inesplosi e mine disseminano le comunità dove i bambini giocavano e andavano a scuola.

Decine di bambini sono stati uccisi e feriti. Al 21 marzo, l'OHCHR poteva verificare 64 bambini vittime - e questo numero è destinato a crescere.

All'interno dell'Ucraina, i bambini e le loro famiglie si nascondono negli scantinati e si rifugiano nelle stazioni ferroviarie. Milioni di bambini hanno scarso o nessun accesso all'acqua potabile, o a servizi igienico-sanitari adeguati. Milioni di bambini hanno lasciato la scuola.

L'insicurezza alimentare sta crescendo. Anche se il cibo è disponibile, non è sicuro uscire a comprarlo. E può essere anche iniziata la primavera, ma in Ucraina fa ancora molto freddo.

L'UNICEF e i nostri partner stanno facendo tutto il possibile per raggiungere i bambini e le famiglie in Ucraina. Il nostro ufficio nazionale nel paese rimane operativo in circostanze estremamente difficili. Sono stata in contatto con il personale sul campo e stanno facendo un lavoro veramente eroico. Non ci sono altre parole per definirlo. Garantire la loro sicurezza è la nostra massima priorità. È un ambiente operativo molto difficile. L'accesso umanitario è limitato con linee del fronte che cambiano rapidamente, rendendo molto difficile la consegna di forniture e servizi di base.

Ma ci stiamo riuscendo. Al 17 marzo, avevamo inviato 85 camion che trasportavano 858 tonnellate di aiuti di emergenza per sostenere i bambini e le famiglie in Ucraina e nei paesi vicini. E proprio la settimana scorsa abbiamo consegnato forniture in tutta l'Ucraina alle città di Kiev, Charkiv, Dnipro e Sumy, colpite dalla guerra.

Le forniture che questi camion stanno trasportando tracciano un quadro della situazione sul campo in Ucraina e nei paesi circostanti: forniture chirurgiche e concentratori di ossigeno, attrezzature ostetriche e kit di ostetricia, kit di maternità, di igiene familiare, pannolini e disinfettanti, dignity kit per ragazze e donne in età mestruale, acqua in bottiglia, coperte, vestiti invernali. Circa 34 di questi camion sono già in Ucraina e altri sono in arrivo.

Una crisi di rifugiati in rapida crescita

Fuori dall'Ucraina, la crisi dei rifugiati è cresciuta rapidamente ed esponenzialmente - e così i rischi per milioni di donne e bambini in fuga. La metà dei 3 milioni di persone che sono stati costretti a fuggire dall'Ucraina sono bambini. Stimiamo che 55 bambini fuggano dall'Ucraina ogni minuto - cioè quasi 1 bambino ogni secondo.

Sono stata recentemente nella regione al confine con la Romania, dove quasi mezzo milione di persone - soprattutto donne e bambini - hanno varcato per sfuggire alla violenza. Viaggiano con quasi niente: i bambini con i loro piccoli zaini, le mamme che si trascinano dietro una borsa a rotelle. Alcuni hanno solo i vestiti che indossano.

I bambini e le donne che fuggono dalla violenza sono vulnerabili in tanti modi - anche allo sfruttamento e all'abuso. La minaccia della tratta è reale e crescente, specialmente per i bambini che sono stati separati dalle loro famiglie.

L'UNICEF e l'UNHCR stanno allestendo spazi sicuri per donne e bambini ai valichi di frontiera e nei centri di accoglienza e transito in tutti i paesi vicini. Questi 'Blue Dots', come li chiamiamo noi, forniscono informazioni, supporto psicosociale e protezione dallo sfruttamento e dagli abusi, tra gli altri servizi cruciali. E, cosa fondamentale, i Blue Dots lavorano per identificare e proteggere i bambini non accompagnati.
La nostra risposta nei paesi vicini si concentra sul sostegno ai governi per espandere i loro servizi sociali esistenti a donne e bambini in fuga dall'Ucraina.

La generosità e la compassione che stiamo vedendo in questi paesi vicini è incoraggiante. Siamo grati che così tante famiglie di rifugiati siano state in grado di trovare alloggi temporanei e aiuto. Ma non è una soluzione permanente.

Voglio concludere con due immagini. Alcuni di voi potrebbero averle viste sui social media. In un'immagine, passeggini vuoti fiancheggiano una piazza a Leopoli - un ricordo brutale di quanti bambini sono diventati vittime di questa guerra, e quante famiglie sono state distrutte. Nell'altra immagine, i passeggini vuoti sono stati lasciati lungo il marciapiede fuori dalle stazioni ferroviarie e dai punti di transito nei paesi vicini per aiutare le donne in fuga dalla guerra a portare i loro bambini.

Una è un'immagine di disperazione. Una è un'immagine di compassione. Ma nessuna delle due è un'immagine di pace.
L'UNICEF e i nostri partner continueranno a fare tutto il possibile per sostenere i bambini e le famiglie dell'Ucraina. Ma ciò di cui hanno bisogno più di tutto è che la guerra finisca.

Briefing sulla situazione umanitaria del Direttore generale dell'UNICEF, Catherine Russell, al World Economic Forum

23/03/2022

News ed Aggiornamenti

Salva i bambini con 9 euro al mese: 800 90 00 83

Chiama