Conflitto nel nordest della Nigeria: tragico declino economico a causa della violenza. Gravi violazioni contro i bambini.

2 minuti di lettura

06/09/2023

L'UNICEF ha lanciato oggi un nuovo studio che descrive il devastante impatto economico del conflitto in corso nel nord est della Nigeria. Lo studio mostra come la violenza e le gravi violazioni contro i bambini hanno portato a un tragico declino economico, colpendo non solo la regione in conflitto, ma l'intero paese.

Lo studio rivela che nel 2021, l'economia nigeriana era ridotta del 2,5% rispetto a quanto sarebbe stata senza il conflitto, il che equivale a una perdita cumulativa di circa 100 miliardi di dollari negli ultimi 10 anni. Inoltre, un numero stimato di 2,6 milioni di persone rimangono attualmente sfollate, e circa 1 milione di bambini hanno perso la scuola a causa del conflitto.

Parlando del rapporto, Cristian Munduate, Rappresentante dell'UNICEF in Nigeria, ha dichiarato: "I dati raccolti mettono a fuoco una realtà straziante. Non è una problematica solo localizzata; le ripercussioni economiche e sociali di questo conflitto sono sentite a livello nazionale e oltre. Tuttavia, la tragedia maggiore è l'impatto sui nostri bambini - la loro istruzione interrotta e la violazione dei loro diritti di base sono perdite che non possono essere quantificate".

Un'azione rapida e unitaria

Munduate ha inoltre sottolineato le potenziali conseguenze a lungo termine del conflitto in corso: "Anche se prevediamo una riduzione degli effetti del conflitto nei prossimi dieci anni, l'economia nigeriana deve ancora affrontare profonde perdite cumulative, fino a 200 miliardi di dollari. L'effetto di questo conflitto prolungato può impedire all'economia di raggiungere il suo pieno potenziale, mettendo a rischio la futura prosperità della nazione".

Invitando a un'azione rapida e unitaria per porre fine al conflitto, Munduate ha sottolineato: "Il momento di agire è adesso. È in gioco il futuro dei nostri bambini e la crescita economica della nostra nazione. Dobbiamo dare priorità alla pace e alla tutela dei diritti dei bambini per garantire un futuro più luminoso alla Nigeria".

"Ogni statistica di questo rapporto rappresenta un bambino, un futuro, una speranza. Al di là delle cifre sconcertanti, c'è una forte chiamata all'azione. Non possiamo ignorarlo. La posta in gioco è semplicemente troppo alta", Munduate ha aggiunto.

06/09/2023

News ed Aggiornamenti

Dona 9 euro al mese: 800 90 00 83

Chiama