Crisi clima, i bambini di 48 paesi africani su 49 sono ad alto o altissimo rischio di impatti dei cambiamenti climatici. Nuovo rapporto

6 minuti di lettura

01/09/2023

 I bambini africani sono tra i più a rischio di impatti dei cambiamenti climatici, ma sono tristemente trascurati dai principali flussi di finanziamento per il clima necessari per aiutarli ad adattarsi, sopravvivere e rispondere alla crisi climatica.

Secondo un rapporto dell'UNICEF pubblicato oggi, "Time to Act: Time to Act: African children in the climate change spotlight", i bambini di 48 dei 49 Paesi africani analizzati sono classificati come ad alto o altissimo rischio di impatti del cambiamento climatico. L'analisi valuta i Paesi in base all'esposizione dei bambini agli shock climatici e ambientali, come cicloni e ondate di calore, e alla loro vulnerabilità a tali shock, in base all'accesso ai servizi essenziali.

I bambini che vivono nella Repubblica Centrafricana, in Ciad, Nigeria, Guinea, Somalia e Guinea-Bissau sono i più a rischio.

Cosa esamina il rapporto

In risposta all'aumento del rischio per i bambini, il rapporto esamina come i fondi multilaterali per il clima (MCF) stanno indirizzando le loro risorse. Solo il 2,4% di questi importanti finanziamenti globali per il clima può essere classificato come sostegno ad attività che rispondono ai bambini, con un valore medio di soli 71 milioni di dollari all'anno. Se si allarga il gruppo di riferimento ai giovani, la cifra sale ad appena il 6,6% della spesa totale del MCF

"È chiaro che i membri più giovani della società africana stanno sopportando il peso dei duri effetti del cambiamento climatico", ha dichiarato Lieke van de Wiel, vicedirettore dell'UNICEF per l'Africa orientale e meridionale. "Sono i meno capaci di far fronte alla situazione, a causa della vulnerabilità fisiologica e dello scarso accesso ai servizi sociali essenziali. Dobbiamo concentrare maggiormente i finanziamenti su questo gruppo, in modo che siano pronti per affrontare in tutta la vita gli sconvolgimenti indotti dal clima".

I bambini sono più vulnerabili degli adulti agli effetti degli shock e degli stress climatici e ambientali. Sono fisicamente meno in grado di resistere e sopravvivere a pericoli come inondazioni, siccità, tempeste e ondate di calore e sono fisiologicamente più vulnerabili a sostanze tossiche come il piombo e altre forme di inquinamento.

Nonostante i notevoli progressi compiuti da quasi tutti i Paesi nella fornitura di servizi essenziali, le sfide persistenti contribuiscono ad aumentare la vulnerabilità dei bambini, tra cui l'accesso limitato a servizi sanitari e nutrizionali di buona qualità, la mancanza di acqua sicura, di servizi igienici e di igiene, l'accesso limitato a un'istruzione di qualità e gli alti livelli di povertà.

Bambini e giovani fondamentali per il cambiamento

Preoccupante è il fatto che il rapporto rivela una forte correlazione tra i Paesi che si classificano male per quanto riguarda la salute, la nutrizione e i servizi WASH (acqua e servizi igienico sanitari) e quelli che si classificano alti o altissimi nell'Indice di rischio climatico per i bambini, evidenziando quanto questi bambini siano vulnerabili agli impatti del cambiamento climatico.

Allo stesso tempo, i bambini e i giovani sono fondamentali per il cambiamento a lungo termine e la sostenibilità. Le loro idee, la loro creatività e le loro competenze devono essere prese sul serio e diventare parte integrante delle soluzioni, comprese le politiche e i finanziamenti, perché il momento di agire è adesso.

L'UNICEF e il Programma delle Nazioni Unite per l'Ambiente (UNEP) stanno collaborando a un numero crescente di progetti che dimostrano come le comunità africane possano diventare più resilienti e adattarsi agli impatti di un clima che cambia.

Green Jobs for Youth Pact

Nel Sahel, una regione che ha visto un'ondata di disastri mortali legati al clima nel 2022, l'UNICEF e i partner hanno attuato un approccio integrato e incentrato sulle persone in cinque settori sociali, tra cui salute, nutrizione, acqua, istruzione e servizi di protezione. Il programma ha permesso alle comunità di mitigare gli effetti di shock e stress e di gestire i rischi residui attraverso la pianificazione partecipativa e la fornitura di servizi completi. Dal 2020, il programma ha garantito ad almeno 3 milioni di persone vulnerabili, di cui 2,7 milioni di bambini, l'accesso ai servizi essenziali, soprattutto nei periodi di shock e stress indotti dal clima.

Nella regione costiera della Tanzania, un programma dell'UNEP sta lavorando per ridurre l'impatto dannoso dell'innalzamento del livello del mare sulle infrastrutture, investendo in muri marini, riposizionando pozzi, ripristinando le foreste di mangrovie e costruendo sistemi di raccolta dell'acqua piovana attraverso un approccio all'adattamento basato su tutti gli ecosistemi. Di conseguenza, la capacità delle comunità costiere di resistere all'innalzamento del livello del mare è aumentata e ha portato anche a miglioramenti della salute della popolazione grazie all'accesso ad acqua sicura e pulita.

L'UNEP, l'UNICEF e l'Organizzazione Internazionale del Lavoro (OIL) stanno collaborando con i giovani, i governi, le organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori e il settore privato per progettare e attuare il Green Jobs for Youth Pact. Il Patto mira a sviluppare 1 milione di nuovi posti di lavoro verdi, a trasformare 1 milione di posti di lavoro esistenti e ad aiutare 10.000 giovani imprenditori verdi ad avviare le loro attività entro il 2030.

Rose Mwebaza, Direttore regionale per l'Africa dell'UNEP: "I giovani sono quelli che hanno meno responsabilità nel cambiamento del clima e, in Africa, sono coloro che ne subiscono gli effetti peggiori. Stiamo lavorando per sostenere i Paesi ad adattarsi e costruire la resilienza in un clima in rapido cambiamento attraverso soluzioni basate sulla natura, oltre a investire nei giovani con le competenze specifiche e la mentalità per sostenere questa urgente transizione. Ma per vedere dei risultati, dobbiamo vedere un aumento radicale degli investimenti in un futuro sostenibile per i giovani africani".

Documenti disponibili

UNICEF Time to Act Advocacy Brief 2023 (in Inglese)pdf / 4.04 Mb

Download

01/09/2023

News ed Aggiornamenti

Dona 9 euro al mese: 800 90 00 83

Chiama