Crisi in Myanmar: sono 35 i bambini uccisi in meno di due mesi

3 minuti di lettura

29/03/2021

Un ragazzo di 11 anni, una ragazza di 11 anni, due ragazzi di 13 anni, una ragazza di 13 anni, tre ragazzi di 16 anni e due ragazzi di 17 anni, tutti a quanto si apprende colpiti e uccisi. Una bambina di un anno gravemente ferita dopo essere stata colpita all'occhio con un proiettile di gomma. Queste sono state le ultime vittime tra i bambini nel giorno più sanguinoso in Myanmar (sabato) dalla presa di potere dei militari il 1° febbraio.

In meno di due mesi, secondo le informazioni ricevute, almeno 35 bambini sarebbero stati uccisi, innumerevoli altri sarebbero stati gravemente feriti e quasi 1.000 bambini e giovani sarebbero stati detenuti arbitrariamente dalle forze di sicurezza in tutto il paese. Milioni di bambini e giovani sono stati esposti direttamente o indirettamente a scene traumatizzanti di violenza, minacciando la loro salute mentale e il loro benessere emotivo.

Sono inorridita dalle uccisioni indiscriminate, anche di bambini, che sono avvenute in Myanmar e dal fallimento delle forze di sicurezza a mantenere la moderazione e garantire la sicurezza dei bambini. Come ha detto il Segretario Generale, i responsabili di queste azioni, che costituiscono indubbiamente delle vergognose violazioni dei diritti dei bambini, devono essere chiamati a risponderne.

Oltre agli impatti immediati della violenza, le conseguenze più a lungo termine della crisi per i bambini del paese potrebbero essere catastrofiche.

Già si è fermata la fornitura di servizi essenziali per i bambini: quasi 1 milione di bambini non hanno accesso ai vaccini fondamentali; quasi 5 milioni non hanno accesso a integratori di vitamina A; quasi 12 milioni rischiano di perdere un altro anno di apprendimento; più di 40.000 bambini sono senza cure per la malnutrizione acuta grave; quasi 280.000 madri e bambini vulnerabili perderanno l'accesso ai trasferimenti di denaro, che sono la loro ancora di salvezza, e più di 250.000 bambini perderanno l'accesso ai servizi idrici e igienico-sanitari di base.

Questa perdita di accesso ai servizi chiave, combinata con la contrazione economica che spingerà molti altri nella povertà, mette in pericolo un'intera generazione di bambini e giovani. Sono già a rischio di subire profondi impatti fisici, psicologici, emotivi, educativi ed economici, negando potenzialmente loro un futuro sano e prospero.

Le forze di sicurezza devono immediatamente smettere di perpetrare abusi sui diritti dei bambini e garantire la sicurezza dei bambini in ogni momento. Le forze di sicurezza dovrebbero cessare l'occupazione delle strutture formative. Devono anche proteggere tutti i lavoratori essenziali - compresi gli operatori sanitari e gli insegnanti - che forniscono servizi vitali per i bambini e le famiglie.

L'impegno dell'UNICEF per i bambini in Myanmar rimane risoluto. Dopo 70 anni nel paese, rimane una priorità assoluta raggiungere tutti i bambini, compresi i rohingya e quelli di altri gruppi minoritari, con servizi salvavita in tempi di conflitto e crisi.

Non dobbiamo abbandonare i bambini del Myanmar in questo momento critico, quando le loro vite, il loro benessere e il loro futuro sono in gioco. Saremo sempre fermamente al loro fianco.

Dichiarazione del Direttore generale dell'UNICEF Henrietta Fore

29/03/2021

News ed Aggiornamenti

Un vaccino anti COVID-19 per tutti con la Rete del Dono

Scopri di più