Emergenza Corno d’Africa: appello del Direttore UNICEF Anthony Lake al vertice FAO

3 minuti di lettura

24/07/2011

 

Dichiarazione di Anthony Lake, direttore UNICEF, al meeting FAO di Roma per l’emergenza siccità in Corno d’Africa.

«Questa è una carestia infantile. La grandezza della sofferenza e le perdite sono enormi. Le immagini che abbiamo visto dal Corno d'Africa parlano da sole.

Oltre mezzo milione di bambini sono a rischio di morte imminente a causa di malnutrizione acuta grave. Tra Somalia, Etiopia e Kenya, sono circa 2,3 milioni i bambini già affetti da malnutrizione acuta.

Già prima dell’emergenza questi bambini erano tra i più svantaggiati del mondo. Vivono in bilico e diventano più vulnerabili giorno dopo giorno, privati di ogni bisogno umano e di ogni diritto fondamentale.

Si tratta di un doppio disastro. La situazione è terribile in Somalia e nei campi profughi in Kenya e in Etiopia, ma si estende ben oltre: alle comunità pastorali di tutta la regione minacciando le persone e il loro modo di vivere e sostentarsi.

Questa carestia non è solo questione di cibo. È una questione di scelte obbligate.

La comunità globale non si trova di fronte a una scelta circa la risposta da dare, perché, di fronte a un’emergenza così evidente, non ci può essere altra scelta se non quella di agire subito.

Per salvare vite umane, la risposta umanitaria globale deve essere immediata. Stimiamo che il fabbisogno totale dell'UNICEF per gli interventi di emergenza è di circa 300 milioni di dollari fino alla fine del 2011.

Nonostante i contributi significativi ricevuti da parte di molti governi e donatori privati attraverso i nostri Comitati Nazionali, l'UNICEF deve ancora affrontare un deficit per i bambini e le famiglie di oltre 200 milioni di dollari.

La risposta deve anche essere mirata, raggiungendo prima di tutto chi ha maggiore bisogno e chi è più a rischio, ma deve anche mettere a regime operazioni di assistenza preventiva a favore delle persone che vivono nelle aree colpite da siccità e carestia.

E la risposta deve essere flessibile, applicando una serie di modalità in diverse circostanze e adattando la nostra risposta alle condizioni e alle esigenze locali.

L'unica cosa su cui dobbiamo essere inflessibili è l'urgenza di agire, e agire ora, sia per rispondere ai bisogni immediati, sia per ricostruire il futuro.

Per le sue stesse cause, è probabile che questa crisi umanitaria continui, e dobbiamo aiutare i bambini e le famiglie del Corno d'Africa a resistere.

L’UNICEF apprezza molto la generosità della comunità internazionale. I contributi ricevuti stanno già salvando molte vite. Ma adesso abbiamo la possibilità di fare molto di più. Ogni giorno può significare la differenza tra la vita e la morte, su larga scala, ma anche al livello del singolo essere umano. Perché anche di fronte a una carestia che affligge milioni di persone, ogni singola vita conta. E noi contiamo su tutti voi.»

 

24/07/2011

News ed Aggiornamenti

Chiama Ora il 800 91 42 49 e dona 9 euro al mese!

Chiama