Acqua per centinaia di migliaia di persone, prosegue senza sosta il ponte aereo UNICEF per le Filippine

4 minuti di lettura

15/11/2013

Nel pieno dell'immane devastazione causata dal super-tifone Haiyan - 4.500 vittime accertate, 11,8 milioni di persone colpite di cui 4,7 milioni bambini, 217.800 i bambini sfollati (di Mentre cui 100.000 sotto i 5 anni) - l’UNICEF ha distribuito aiuti essenziali per i bambini a Tacloban, Ormac e Roxas, le aree più colpite dal disastro. 

«Il servizio di approvvigionamento idrico è stato parzialmente ripristinato a Tacloban grazie a carburante, generatori e pezzi di ricambio, garantendo la continuità delle operazioni» ha affermato Ted Chaiban, Direttore dei programmi di emergenza dell’UNICEF. «Ciò significa poter fornire acqua potabile a circa 200.000 persone.»

Negli ultimi tre giorni, grazie a 15 tonnellate di carico gratuito donato dalla compagnia aerea AirAsia, l'UNICEF ha iniziato a trasportare per via aerea kit igienici per 18.000 persone a Tacloban, la principale città (oltre 200mila abitanti) nella regione devastata dal tifone. 

Ogni kit comprende sapone da bucato e da bagno, contenitori per l'acqua, dentifricio, spazzolini da denti e assorbenti. 

«I bisogni sono immensi e urgenti, per questo la nostra risposta deve essere altrettanto ampia», ha detto il Rappresentante dell'UNICEF nelle Filippine Tomoo Hozumi. «Lavoriamo affrontando enormi sfide logistiche, tra scarsità di carburante e poco spazio fisico per operare, ma stiamo facendo tutto il possibile per queste persone, che hanno perso tutto». 



Ripristinare acqua e igiene, priorità assoluta

Oltre al cargo offerto da AirAsia, l'UNICEF ha inviato via camion aiuti per un valore di 142.000 dollari, già arrivati a Tacloban. Gli aiuti includono compresse per la potabilizzazione dell'acqua, cisterne in grado di garantire il fabbisogno giornaliero idrico per 45.000 persone, latrine prefabbricate e kit igienici per altre 15.000 persone .

Dal suo centro logistico di Manila, l'UNICEF ha inviato nella città di  Roxas cisterne per garantire acqua a 19.000 persone al giorno, compresse per potabilizzare l'acqua e latrine sufficienti per 8.500 persone.

«Stiamo facendo tutto ciò che possiamo, nel minor tempo possibile» ha sottolineato Hozumi. «E ci sarà ancora di più da fare nei prossimi giorni, con i nostri operatori che lavorano senza sosta per garantire un aiuto indispensabile.»

Uno dei compiti più importanti in questa fase è assicurare acqua potabile e servizi igienici, dato che i danni alle infrastrutture hanno seriamente compromesso l'approvvigionamento idrico nelle zone colpite dal tifone.

Hozumi ha aggiunto che saranno distribuiti a Tacloban nei prossimi giorni tende, farmaci contro le malattie diarroiche, kit per l’igiene personale per 90.000 persone, e teloni impermeabili per allestire rifugi di emergenza.

L'UNICEF ha programmato inoltre l'invio nelle aree colpite di tende-scuola, materiali educativi per la prima infanzia, kit didattici per studenti e insegnanti.

L’UNICEF sta allestendo centri operativi a Cebu, Roxas, Tacloban e Ormoc, con personale tecnico e logistico già sul posto.
 

easyJet con l'UNICEF per i bambini delle Filippine

Prosegue intanto la gara di solidarietà per aiutare i bambini colpiti dal tifone.

«È importante mantenere alta l’attenzione su questa tragedia», ha ricordato il Presidente dell’UNICEF Italia Giacomo Guerrera. «Non possiamo dimenticarci di tanti bambini che in pochissimo tempo hanno perso la casa, la scuola, tutto. Continuiamo a sostenere gli interventi dell’UNICEF.»
 
Anche easyJet ha lanciato una raccolta di fondi straordinaria per questa emergenza: dal 14 novembre su tutti i 7.000 voli settimanali operati da easyJet verranno raccolte donazioni fra i passeggeri. L’intero importo raccolto aiuterà UNICEF a fornire acqua pulita, alimenti terapeutici e medicinali ai bambini delle Filippine colpiti dal tifone Haiyan.

Come puoi aiutare i bambini delle Filippine 

Anche tu puoi contribuire a salvare la vita dei bambini con una donazione online oppure con uno degli altri modi per donare:

  • bollettino di c/c postale numero 745.000, intestato a UNICEF Italia, specificando la causale “Emergenza Filippine”  
  • carta di credito online sul nostro sito oppure telefonando al Numero Verde UNICEF 800 745 000 
  • bonifico bancario sul conto corrente intestato a UNICEF Italia su Banca Popolare Etica: IBAN IT51 R050 1803 2000 0000 0510 051, specificando la causale “Emergenza Filippine
  • donazione presso il Comitato UNICEF della tua città (trova qui quello più vicino a te)
  • Numero solidale 45590 di UNICEF e World Food Programme: 1 € per invio di SMS, 2 € per chiamata da rete fissa (tutti i gestori). 

 

15/11/2013

News ed Aggiornamenti

Salva i bambini con 9 euro al mese: 800914249

Chiama