Etiopia, milioni di bambini senza assistenza umanitaria nel Tigray

2 minuti di lettura

16/12/2020

Circa 2,3 milioni di bambini nel Tigray, in Etiopia, non ricevono assistenza umanitaria da inizio novembre a causa delle continue violenze.

Siamo profondamente preoccupati perché quanto più a lungo non potremo raggiungere questi bambini, peggiori saranno le loro condizioni perché le scorte di cibo, compresi gli alimenti terapeutici pronti all’uso per la cura della malnutrizione dei bambini, medicine, acqua, carburante e altri aiuti di base stanno per esaurirsi.

Proteggere questi bambini, molti dei quali sono rifugiati e sfollati interni, e fornire loro assistenza umanitaria deve essere una priorità. Insieme con i nostri partner, siamo pronti a fornire aiuti umanitari salva vita, comprese le cure per i bambini malnutriti, medicine di emergenza e aiuti idrici e igienico sanitari.

Abbiamo già distribuito scorte di aiuti a diversi partner nel Tigray ma non è abbastanza. Dobbiamo poter fornire un supporto maggiore e avere pieno accesso nel Tigray per determinare la portata dei bisogni dei bambini.

Chiediamo un accesso umanitario urgente, prolungato, incondizionato e imparziale per tutte le famiglie che hanno bisogno di aiuto, ovunque esse siano.

Chiediamo anche alle autorità di consentire il libero spostamento dei civili che desiderano cercare sicurezza altrove, compresi coloro che hanno chiesto di superare il confine alla ricerca di protezione internazionale. Non bisogna ritardare oltre la risposta ai bisogni di base di bambini e donne.

16/12/2020

News ed Aggiornamenti

Salva i bambini con 9 euro al mese: 800914249

Chiama