Filippine, cresce la preoccupazione per i bambini colpiti dal terremoto

2 minuti di lettura

27/07/2022

L'UNICEF è preoccupato per la situazione dei bambini e delle famiglie colpiti dal terremoto di magnitudo 7 che ha colpito le Filippine settentrionali alle 8:43 ora locale. L'UNICEF e i suoi partner stanno valutando i bisogni immediati delle comunità colpite e sono pronti a supportare la risposta di emergenza guidata dal Governo.

Le prime notizie dall'epicentro ad Abra e nelle province vicine confermano danni a case, ospedali, strade e altre infrastrutture. L'impatto del terremoto si è sentito anche nella capitale Manila a 400 km da Abra, dove alcuni edifici sono stati evacuati temporaneamente. L'Istituto di Vulcanologia e Sismologia delle Filippine ha registrato più di 13 scosse di assestamento da mezzogiorno.

In ogni emergenza, i bambini sono tra i più vulnerabili. I nostri cuori sono rivolti ai bambini colpiti e la nostra priorità è assicurare che le loro vite siano salvate e protette. I bambini e le famiglie potrebbero essere sfollati e feriti a causa del terremoto e avere urgente bisogno di rifugi, acqua pulita, cure mediche, protezione e supporto psicosociale.

Mentre il Mese Nazionale per la Resilienza ai Disastri - luglio - termina, il terremoto ci ricorda la necessità di migliorare continuamente la preparazione alle emergenze e la riduzione del rischio di disastri nelle Filippine, un Paese soggetto a tifoni, terremoti ed eruzioni vulcaniche. L'UNICEF si batte per una riduzione del rischio di catastrofi, focalizzata sui bambini, e pone i bambini al centro degli sforzi di preparazione e risposta alle emergenze.

Gli aiuti di emergenza preposizionati dell'UNICEF sono pronti a supportare gli sforzi di soccorso del Governo e i nostri team sono pronti ad essere impiegati per raggiungere i bambini e le famiglie nelle aree colpite

27/07/2022

News ed Aggiornamenti

Salva i bambini con 9 euro al mese: 800 90 00 83

Chiama