Filippine, UNICEF: servono 11 milioni di dollari per rispondere ai bisogni dei bambini colpiti dal tifone Odette-Rai

3 minuti di lettura

24/12/2021

Alla vigilia di Natale, più di una settimana dopo che il super tifone Odette (nome internazionale: Rai) ha colpito le Filippine, l'UNICEF insieme alle Nazioni Unite e alla comunità umanitaria lancia un appello per 107 milioni di dollari per aiutare i bambini e le famiglie a riprendersi dall'impatto del catastrofico super tifone. Per la risposta immediata, l'UNICEF chiede almeno 11 milioni di dollari per raggiungere i 200.000 bambini più colpiti con gli interventi essenziali necessari a salvare vite, proteggere e garantire i diritti dei bambini.

"I nostri cuori sono vicini ai bambini colpiti dal tifone e alle famiglie che stanno trascorrendo un periodo di vacanze tristi. Mentre ci riuniamo con le nostre famiglie per la Noche Buena (il 24 Dicembre), stasera, non dimentichiamo coloro che stanno lottando per ottenere anche le più elementari necessità come cibo, acqua e riparo. Gli operatori dell'UNICEF stanno lavorando sul campo con il governo e altri partner per raggiungere i più vulnerabili. Facciamo appello alla comunità internazionale perché continui a fare la sua parte nel dare sollievo alla vita dei bambini", dice il Rappresentante dell'UNICEF nelle Filippine , Oyunsaikhan Dendevnorov.

La pandemia ha esacerbato i pressanti problemi dei diritti dei bambini e ulteriori emergenze compromettono ulteriormente il benessere e la salute generale dei bambini e dei giovani. Una settimana dopo il passaggio del tifone, le principali preoccupazioni dell'UNICEF riguardano l'acqua, i servizi igienici e l'igiene (WASH) con i casi di diarrea e la mancanza di accesso all'acqua e ai servizi igienici; la salute con la prevenzione e il controllo delle infezioni; la nutrizione con la prevenzione e il trattamento della malnutrizione tra le donne incinte e i bambini; e la protezione dei bambini con la necessità di sostegno psicosociale e la prevenzione da violenza, sfruttamento, abuso e abbandono.

L’Humanitarian Needs and Priorities (HNP) lanciato oggi comprende gli interventi dell'UNICEF nei cluster in cui coordina la risposta insieme con il governo. Per l'acqua, i servizi igienico sanitari (WASH), l'UNICEF darà la priorità all'aumento dell'accesso all'acqua e ai servizi igienici, alla distribuzione di acqua e forniture igieniche e alla promozione dell'igiene. Per quanto riguarda la nutrizione, lo screening e il trattamento tempestivo della nutrizione per le donne in gravidanza e in allattamento, la consegna di forniture e prodotti per la nutrizione e la protezione dell'allattamento al seno saranno interventi chiave. La protezione dei bambini si concentrerà sul ricongiungimento dei bambini separati e non accompagnati (UASC), sulla salute mentale e sul supporto psicosociale, e sulla sensibilizzazione alla prevenzione della violenza contro i bambini (VAC). Per quanto riguarda l'istruzione, aumentare l'accesso all'apprendimento, fornire servizi di salute mentale per il personale docente e sostenere il settore WASH e la prevenzione e il controllo delle infezioni per aiutare a riavviare l'apprendimento pilota face-to-face in 20 scuole all'interno delle comunità colpite può potenzialmente contribuire ad affrontare la crisi dell'istruzione.

E' possibile effettuare una donazione all'UNICEF, per aiutare i bambini delle Filippine, cliccando qui.

24/12/2021

News ed Aggiornamenti

Salva i bambini con 9 euro al mese: 800 90 00 83

Chiama