Gaza, un bambino su tre sotto i 2 anni soffre di malnutrizione acuta nel nord della Striscia, dato raddoppiato in un mese

4 minuti di lettura

15/03/2024

Il 31% - ovvero 1 bambino su 3 sotto i 2 anni - nella Striscia di Gaza settentrionale soffre di malnutrizione acuta, un'escalation sconcertante rispetto al 15,6% di gennaio. Secondo quanto riportato, almeno 23 bambini nel nord della Striscia di Gaza sono morti per malnutrizione e disidratazione nelle ultime settimane, andando ad aggiungersi al crescente numero di bambini uccisi nella Striscia durante il conflitto in corso - circa 13.450 secondo quanto riportato dal Ministero della Salute palestinese.

La malnutrizione tra i bambini si sta diffondendo rapidamente e sta raggiungendo livelli devastanti e senza precedenti nella Striscia di Gaza, a causa dell'ampio impatto della guerra e delle continue restrizioni alla fornitura di aiuti.

Gli screening nutrizionali condotti dall'UNICEF e dai partner nel nord del Paese a febbraio hanno rilevato che il 4,5% dei bambini nei rifugi e nei centri sanitari soffre di malnutrizione acuta grave, la forma di malnutrizione più pericolosa per la vita, che espone i bambini al rischio più elevato di complicanze mediche e di morte, a meno che non ricevano alimenti e trattamenti terapeutici urgenti, che non sono disponibili. La percentuale di malnutrizione acuta tra i bambini di età inferiore ai 5 anni nel nord del Paese è aumentata dal 13% al 25%.

<"La velocità con cui si è sviluppata questa catastrofica crisi di malnutrizione dei bambini a Gaza è scioccante, soprattutto considerando che l'assistenza disperatamente necessaria era pronta a pochi chilometri di distanza", ha dichiarato Catherine Russell, Direttrice Generale dell'UNICEF. "Abbiamo ripetutamente tentato di fornire ulteriori aiuti e abbiamo ripetutamente chiesto di affrontare le sfide per l'accesso che abbiamo affrontato per mesi. Invece, la situazione dei bambini peggiora di giorno in giorno. I nostri sforzi per fornire aiuti salvavita sono ostacolati da inutili restrizioni, che stanno costando la vita ai bambini".

Le visite di monitoraggio condotte per la prima volta a Khan Younis, nell'area centrale della Striscia di Gaza, hanno rilevato che il 28% dei bambini sotto i 2 anni è colpito da malnutrizione acuta, di cui oltre il 10% presenta una forma grave.

Un rapido aumento e su larga scala

Anche a Rafah, l'enclave meridionale con maggiore accesso agli aiuti, i dati dei controlli sui bambini sotto i 2 anni sono raddoppiati, passando dal 5% di malnutrizione acuta a gennaio a circa il 10% alla fine di febbraio, mentre la malnutrizione acuta grave è quadruplicata, passando dall'1% a oltre il 4% nel corso del mese. 
Le agenzie delle Nazioni Unite hanno lanciato l'allarme sul rischio di carestia nella Striscia di Gaza da dicembre. A gennaio sono state superate le soglie di emergenza per la malnutrizione acuta nei bambini. La malnutrizione acuta tra i bambini ha continuato ad aumentare rapidamente e su larga scala e c'è un alto rischio che continui ad aumentare in tutta la Striscia di Gaza, costando più vite, in assenza di maggiore assistenza umanitaria e del ripristino dei servizi essenziali.

L'UNICEF ha fornito ai bambini cure per la malnutrizione acuta, compreso l'uso di alimenti terapeutici pronti per l'uso (RUTF), latte in polvere pronto per l'uso e integratori preventivi di micronutrienti contenenti ferro e altri nutrienti essenziali per le donne in gravidanza. Questa settimana arriveranno altre forniture, ma non sono ancora sufficienti per far fronte alle necessità.

<"Stiamo facendo tutto il possibile per evitare un peggioramento della crisi umanitaria a Gaza, ma non è sufficiente", ha dichiarato Russell. "Un cessate il fuoco umanitario immediato continua a rappresentare l'unica possibilità di salvare le vite dei bambini e porre fine alle loro sofferenze. Abbiamo anche bisogno di più valichi di frontiera terrestri che permettano di consegnare gli aiuti in modo affidabile e su larga scala, anche nel nord di Gaza, insieme a garanzie di sicurezza e al passaggio senza ostacoli necessario per distribuire gli aiuti, senza ritardi o impedimenti all'accesso".

15/03/2024

News ed Aggiornamenti

Dona 9 euro al mese: 800 90 00 83

Chiama