Il Comune di Gioia Tauro e l'UNICEF Italia per un progetto di tutela per i bambini dell'edilizia popolare

2 minuti di lettura

10/01/2020

11 gennaio 2020 – «L’UNICEF Italia esprime grande preoccupazione per le condizioni dei bambini e dei ragazzi che vivono nei complessi abitativi di edilizia popolare di via Ciambra e raccoglie il drammatico appello lanciato dal Garante per l’infanzia della Calabria Antonio Marziale sulla situazione nell’area. 

E’ importante a garantire a tutti i bambini e ai giovani del comune di Gioia Tauro l’accesso a diritti fondamentali quali la salute, un’istruzione di qualità, lotta alla discriminazione di genere, lotta alla violenza e alle disuguaglianze, alla povertà minorile, e a incentivare una crescita economica duratura, inclusiva e sostenibile dei nuclei famigliari», ha detto il Presidente dell’UNICEF Italia Francesco Samengo

Accogliendo l’invito del Capo del Dipartimento per le Libertà civili e l’immigrazione prefetto Michele di Bari, l’UNICEF Italia ha annunciato l’avvio della collaborazione con l’Amministrazione Comunale di Gioia Tauro e le reti di Associazioni del Comune, che punta alla nascita di un progetto di riqualificazione ambientale, sociale ed economica - “Gioia Tauro Città amica dei bambini 4.0” - per supportare la comunità ad adottare strategie di miglioramento delle condizioni di sostenibilità del territorio in maniera sistemica, tenendo in particolare considerazione la salute e la tutela dei bambini

Nell’ambito di questa collaborazione, particolare attenzione verrà data ai bambini e ai giovani nei complessi abitativi di edilizia popolare di via Ciambra e nel complesso di case abusive di via Asmara.

Come prima azione, l’UNICEF Italia e il Comune di Gioia Tauro hanno avviato la distribuzione di indumenti, accessori e materiali scolastici alle famiglie presenti. 

10/01/2020

News ed Aggiornamenti

Chiama Ora il 800 91 42 49 e dona 9 euro al mese!

Chiama