Il mondo in una classe: con UPSHIFT nascono nuovi imprenditori e nuove idee green per la comunità

4 minuti di lettura

12/04/2021

Nuova Delhi, India. Usha considera le piante magiche e fin da bambina si appassiona all’ayurveda e alle piante officinali. Le piace studiarle, utilizzarle per trarne beneficio e sperimentarne le proprietà benefiche sia in cucina che in trattamenti di diverso tipo. Ha capelli lunghi neri che tratta con l’henné, un prodotto che utilizza anche per riprodurre il trucco tipico indiano. 

Ci muoviamo verso sud est per ritrovarci lungo le coste dell’Africa occidentale, poi più internamente, in Senegal, in quel pezzo di terra che abbraccia il Gambia. È nato lì Bilali. Oggi è una giornata calda e lui prova a trovare riparo sotto un enorme baobab. Adora gli spazi della sua terra e queste distese che si perdono a vista d’occhio, e adora questi alberi secolari sotto cui ama ripararsi. Non sa ancora quanto tutto questo gli mancherà dopo il suo viaggio e come continuerà a cercarlo. 

Per incontrare Alexandra ci spostiamo più a Nord, in Italia. Alexandra studia all’Università di Catania ed è dream coach del percorso UPSHIFT. Da buona nativa digitale per lei la tecnologia non ha segreti.

È proprio in Italia che le storie di Usha, Bilali e Alexandra si incrociano

Sono tutti e tre giovani attenti all’ambiente, tutti sono stati tra i partecipanti del percorso di educazione all’imprenditorialità UPSHIFT condotto da UNICEF in collaborazione con JA Italia.  

E così quando si trovano tra i banchi a riflettere sul problema ambientale e sulle possibili soluzioni la loro passione in comune prende una forma segnata dalle esperienze e dalla cultura dei tre ragazzi.

Usha, che partecipa subito dopo il lockdown, porta con sé gli insegnamenti legati allo stop imposto. In poco tempo l’aria sembrava non sapere più di smog, le strade erano più pulite, anche le piante apparivano più sane. E quell’impressione da lì a poco è stata confermata dalla scienza: effettivamente le città hanno registrato una diminuzione dei livelli di inquinamento, con effetti positivi nell’ambiente circostante.

Così la ragazza risponde con l’utilizzo di contenitori plastic-free e dell’henné e di altre sostanze naturali per la cosmesi, così da sfruttare le proprietà naturali dei prodotti per migliorarne la qualità e diminuirne l’impatto ambientale.

Bilali – nostalgico degli spazi di terra rossa e del verde imponente della sua terra - propone un orto urbano, dove coltivare piante esotiche, come quelle care a Usha.

Con il supporto della dream coach Alexandra, il manuale per pollici verdi diventa una app, che consente a tutti di capire come sta la pianta e come prendersene cura.

Il percorso è stato come ritrovare il mondo in una classe: incredibile come ognuno di noi, portando un pezzo di sé, possa contribuire in modo diverso allo stesso obiettivo

Usha, su UPSHIFT

Per approfondire

UPSHIFT è il percorso di educazione all’imprenditorialità condotto in Italia da UNICEF in collaborazione con JA a partire dal 2018, rivolto a italiani in situazione di svantaggio, nuovi italiani, migranti e rifugiati.

I partecipanti sono chiamati a riflettere su un problema comune e a cercare una soluzione positiva per sé e per la comunità in cui vivono. Il programma è stato realizzato nel 2020 grazie al contributo di Hydro. 

12/04/2021

News ed Aggiornamenti

Salva i bambini con 9 euro al mese: 800 90 00 83

Chiama