In Sudan cresce il rischio carestia, è allarme per i bambini malnutriti

3 minuti di lettura

Invalid date

"La brutale guerra in Sudan sta spingendo il paese verso la carestia e una catastrofica perdita di vite umane, soprattutto tra i bambini. In quella che è ora la più grande crisi di sfollamento di bambini al mondo, la malnutrizione grave tra i bambini piccoli oltre le peggiori proiezioni, e ci sono focolai di colera, morbillo e malaria.

Ci sono anche evidenze di un aumento dei decessi di bambini, decessi legati alla malnutrizione, in particolare tra i bambini sfollati. Nel gennaio 2024, una valutazione di Medici Senza Frontiere nel campo di Zamzam, nel Darfur settentrionale, ha rivelato una malnutrizione e una mortalità superiori ai livelli di emergenza. Gli screening nutrizionali di massa condotti dall'UNICEF e dai partner nel febbraio 2024 negli Stati del Darfur centrale e di Gezira riflettono livelli allarmanti di deperimento infantile. A febbraio, il Ministero della Sanità del Darfur occidentale ha accertato la morte di 14 bambini a causa della malnutrizione. Sono morti nelle loro case.

Questo accade prima dell'annuale stagione di magra che inizierà nelle prossime settimane, quando la situazione della malnutrizione non potrà che peggiorare. Nel 2023, l'UNICEF ha registrato un numero record di bambini in cerca di cure salvavita per la malnutrizione acuta grave (SAM) - la forma più letale di malnutrizione - nelle aree a cui l'UNICEF e i suoi partner potevano accedere. Tuttavia, nei luoghi meno accessibili, solo il 37% dei circa 120.000 bambini affetti da SAM ha ricevuto le cure salvavita necessarie - la maggior parte di loro prima dello scoppio del conflitto in aprile.

Quest'anno, quasi tre quarti degli sconcertanti 3,7 milioni di bambini che hanno bisogno di un supporto nutrizionale urgente vivono in 135 località classificate come difficili da raggiungere. Oltre la metà dei bambini affetti da SAM si trova in Darfur, Khartoum e Kordofan, che comprendono vaste aree in cui l'assistenza deve essere fornita attraverso le linee di conflitto o i confini.

Le comunità sono sull'orlo della carestia perché ci viene impedito di raggiungere molti bambini, donne e famiglie in difficoltà. È inaccettabile. Dobbiamo agire ora per incrementare in modo massiccio il lavoro di identificazione dei bambini e delle donne a rischio e per fornire loro alimentazione e cure salvavita, comprese le forniture nutrizionali essenziali, i vaccini e l'acqua potabile.

Per fare ciò, è necessario che le parti in conflitto consentano un accesso umanitario rapido, duraturo e senza ostacoli, sia attraverso le linee di conflitto all'interno del Sudan che attraverso i confini con i Paesi confinanti. Il Ciad ha fornito un'ancora di salvezza cruciale alle comunità del Darfur e l'accesso attraverso il suo confine rimane fondamentale, così come l'accesso attraverso il Sud Sudan. Abbiamo anche bisogno che le reti di telecomunicazione funzionino correttamente per identificare e indirizzare i bambini a rischio e per permettere ai partner umanitari di comunicare i bisogni urgenti.

Da parte della comunità internazionale, abbiamo bisogno di una massiccia mobilitazione di risorse entro la fine di marzo, in modo che i partner umanitari possano avere le forniture e le capacità sul campo, in tempo, per limitare l'imminente catastrofe umanitaria. Solo l'UNICEF ha urgentemente bisogno di 240 milioni di dollari per la sua risposta di prevenzione della carestia.

I bambini non possono aspettare che il mondo decida se è in corso una carestia in Sudan. Hanno urgente bisogno di aiuto in questo momento".

Dichiarazione della Direttrice generale dell'UNICEF, Catherine Russell.

Invalid date

News ed Aggiornamenti

Dona 9 euro al mese: 800 90 00 83

Chiama