Rapporto sull’intervento umanitario UNICEF 2011 - Domande e risposte

7 minuti di lettura

06/03/2011

D: Qual è lo scopo di questa pubblicazione?

 

R: Il Rapporto sull’intervento umanitario per i bambini è la principale pubblicazione annuale dell'UNICEF che fornisce una panoramica delle problematiche che interessano i bambini e le donne nei paesi con situazioni di emergenza e dei programmi di emergenza dell'agenzia. Si fa appello anche per il finanziamento per soddisfare le esigenze umanitarie nel prossimo anno.


D:
Qual è il livello di finanziamento di appello di quest'anno e quanti paesi sono compresi?

 

R: Nel 2011, saranno necessari 1,4 miliardi di dollari per supportare l'UNICEF per assistere le azioni umanitarie in 32 paesi e territori. Rispetto all'appello lanciato a febbraio 2010, la richiesta è aumentata del 21% di cui la maggior parte dei finanziamenti destinata alle esigenze del Pakistan e Haiti, che richiedono, rispettivamente, 296 milioni di dollari e 157 milioni di dollari.

 

Le distruzioni senza precedenti scatenate in Haiti e in Pakistan hanno sollecitato il sostegno generoso dei donatori, ma le crisi sono ben lungi dall'essere terminate ed entrambi i paesi restano un disperato bisogno di risorse.

Ad Haiti, oltre un milione di persone 380.000 dei quali sono bambini – vivono ancora affollati in insediamenti temporanei e i rischi per la salute e la protezione sono elevati. L'impatto delle inondazioni, seguite dall’epidemia di colera, ha ulteriormente indebolito una popolazione già vulnerabile a causa dell’insicurezza alimentare, dell’acqua e le infrastrutture danneggiate, mancanza di servizi igienici e un sistema scolastico decimato.

In Pakistan, dove sono stati colpiti più di 20 milioni di persone, la peggiore alluvione degli ultimi decenni ha sommerso un quinto del paese. Circa 10.000 scuole e 450 centri sanitari rurali sono state danneggiati dalle inondazioni e i danni a grande scala delle infrastrutture rende la distribuzione di forniture un'operazione molto complessa, costosa e che richiede tempo.

 

D: Qual è il tema di questo rapporto?

 

R: La relazione di quest'anno si concentra sulla necessità di rafforzare la resilienza delle comunità a rischio di catastrofi naturali o conflitti. Resilienza, in questo senso, si riferisce non solo alla capacità di riprendersi da un evento traumatico, ma anche per la capacità di prevedere i rischi e limitare il loro impatto.

 

La maggiore attenzione dell'UNICEF sulla resilienza riflette uno spostamento verso cui la comunità umanitaria è stata indirizzata durante il decennio passato. I cambiamenti significativi nella politica umanitaria hanno posto maggiore accento sullo sviluppo delle capacità locali, la preparazione e il recupero precoce accanto interventi di emergenza salvavita. Rafforzare la capacità di ripresa del numero crescente di persone in pericolo è il modo più efficace per mitigare la perdita di velocità e la strada per il recupero in caso di crisi.

 

Nella sua forma più semplice, la resilienza si riferisce alla capacità fisica di infrastrutture critiche di assorbire gli shock, come le tecnologie sanitarie per le zone soggette a inondazioni che sono state sviluppate per ridurre il rischio di malattie infettive a seguito di calamità atmosferiche. Eppure il concetto di resilienza è molto più ampio rispetto alla fortificazione, al potenziamento strutturale e alla fornitura di hardware. Resilienza si riferisce a sistemi sociali e politici, a potenziare le capacità di individui, famiglie, scuole e città a difendersi dai rischi e a gestire collettivamente le minacce alla loro sicurezza.

Un governo debole, scarsa pianificazione, reti sociali distrutto da conflitti o ingiustizie diffuse sono tutti esempi di fattori che minacciano la capacità di recupero. Nelle emergenze complesse, l'UNICEF si impegna non solo nell’azione umanitaria salvavita, ma si cerca di favorire la resilienza a livello individuale, comunitario e istituzionale. In Madagascar, ad esempio, l'UNICEF ha sostenuto un programma di formazione e di sensibilizzazione per dirigenti locali, dirigenti scolastici, centri sanitari, organizzazioni delle comunità locali e sindaci sull’acqua e i servizi igienici e i principi e le pratiche in risposta alle emergenze. In Etiopia, il sostegno dell'UNICEF al governo ha portato a decentrare programmi di estensione della salute e  ha contribuito ad accrescere il numero di bambini identificato in precedenza con malnutrizione acuta grave e il trattamento ricevuto. Entro un anno, la capacità di trattamento nazionale è passato da 135.000 casi al mese a 200.000.


D: Quali sono i paesi inclusi nell’appello di quest'anno?


R: L’appello di quest'anno copre 32 paesi e territori provenienti da sei regioni diverse, tra cui: Afghanistan, Burkina Faso, Burundi, Camerun, Repubblica Centrafricana, Ciad, Colombia, Costa d'Avorio, Repubblica democratica popolare di Corea, Repubblica Democratica del Congo, Gibuti, Eritrea, Etiopia, Guatemala, Haiti, Iraq, Kenya, Kirghizistan, Madagascar, Myanmar, Nigeria, Territori Occupati Palestinesi, Pakistan, Filippine, Repubblica del Congo, Somalia, Sri Lanka, Sudan, Tagikistan, Uganda, Yemen e Zimbabwe.

D: Verso quali paesi sono rivolti i maggiori finanziamenti dell’UNICEF?


R: A seguito delle inondazioni che hanno sommerso un quinto del paese nel 2010, il Pakistan è in cima alla lista per le esigenze di finanziamento nel 2011 con più di 295 milioni di dollari. Oltre al Pakistan, gli appelli per importi superiori ai 100 milioni di dollari riguardano quattro paesi: Sudan (162 milioni), Haiti (156 milioni), Zimbabwe (119 milioni), e Repubblica democratica del Congo (115 milioni).

D: Quali sono le regioni che richiedono la maggior porzione di finanziamento?

R: Il fabbisogno finanziario per le emergenze in Asia-Pacifico è notevolmente aumentato si richiedono 373 milioni di dollari. Un importo per l'80% necessario ad assistere i bambini e le donne in Pakistan, che continuano ad essere colpiti da alluvioni e conflitti.

Quest'anno le esigenze di finanziamento di emergenza per l'America Latina e i Caraibi sono aumentati di otto volte - in gran parte a causa della crisi in corso ad Haiti. Nel 2010 l’appello di finanziamento per la regione è stato di 21 milioni di dollari, mentre per quest'anno è balzato a 183 milioni dollari.

L'appello di finanziamento per l'Europa centrale e orientale e
la Comunità di Stati indipendenti è più che raddoppiato nell'ultimo anno. È molto aumentato - da 5 milioni a 13 milioni di dollari - come conseguenza di un aumento del fabbisogno in Kirghizistan e Tagikistan.

D: Chi sono stati i maggiori donatori dell’UNICEF per il 2010 negli interventi di emergenza?

R: Il Fondo per le crisi umanitarie (CERF-Central Emergency Response Fund) è rimasto la maggiore fonte di aiuti umanitari nel 2010, con un contributo complessivo di oltre 87 milioni di dollari.

Il Comitato per l'UNICEF degli Stati Uniti è stata la seconda fonte di finanziamenti umanitari, con 79,5 milioni dollari, dei quali circa l’88% era per Haiti.

La top ten dei donatori per le emergenze include i governi degli Stati Uniti (73,6 milioni dollari), Giappone (61,5 milioni dollari),
la Commissione europea (59,7 milioni dollari), il Fondo comune umanitario (53,2 milioni dollari), Australia (29,9 milioni dollari), Spagna (27,5 dollari), Canada (25,3 milioni dollari) e Regno Unito (22,6 milioni dollari).

Questi primi dieci donatori hanno rappresentato circa il 63% dei contributi umanitari ricevuti dall'UNICEF per le operazioni di soccorso.

D: Qual è la lezione più importante che l'UNICEF ha  imparato dal terremoto di Haiti?

R: Il terremoto di Haiti serve come lezione tragica perché ribadisce l'importanza della resilienza nei paesi e nelle comunità colpite da emergenze croniche.

Haiti è stata a lungo caratterizzata dalla debolezza delle istituzioni e della governance. Intere generazioni di bambini haitiani sono nati e cresciuti tra la  povertà, la lotta politica, le tensioni sociali, la crisi economica e l'insicurezza alimentare.

Ad Haiti ben prima del terremoto si soffriva di profonde disparità, povertà estrema e quasi totale mancanza di reti di sicurezza sociale. Il sisma ha aggiunto oltre 220.000 vittime e lasciato più di un milione di persone senza tetto.


Gli impegni dell’UNICEF per il 2011 saranno di affrontare tutto ciò che è  rimasto incompiuto nel post terremoto e mantenere quanto è stato realizzato per la salute dei bambini, l'accesso all'acqua potabile e ai servizi igienici, la nutrizione l’istruzione e la protezione. Allo stesso tempo, l'UNICEF mira a rafforzare la resilenzia delle comunità, sostenendo le donne i bambini e gli adolescenti adolescenti affinché escano dalla vulnerabilità.


L'UNICEF si impegna inoltre a garantire l’ascolto delle voci dei bambini che sono al centro dei suoi programmi di  recupero.

Ad esempio, l'UNICEF ha riconosciuto il valore dei giovani come agenti del cambiamento, della loro capacità  di stabilire canali di mobilitazione sociale - reti che si stanno dimostrando estremamente utili in risposta all’epidemia di colera che ha colpito il paese.
 

06/03/2011

News ed Aggiornamenti

Chiama Ora il 800 91 42 49 e dona 9 euro al mese!

Chiama