Iraq, mezzo milione di civili in fuga da Mosul

2 minuti di lettura

11/06/2014

12 giugno 2014 - Circa 500.000 persone, di cui circa la metà bambini, sono stati costretti a fuggire dalle loro case a causa delle ostilità scoppiate lo scorso 5 giugno nella città di Mosul (nel nord dell'Iraq). Come affermano le autorità irachene, le violenze stanno aumentando. 

«La situazione che i bambini devono affrontare è estremamente allarmante. Le loro vite sono state distrutte da un giorno all'altro da un’escalation di violenze» dichiara Marzio Babille, Rappresentante UNICEF in Iraq.

Migliaia di bambini hanno trovato rifugio in scuole, ospedali e moschee fuori città. Molti di loro non hanno accesso ad acqua, servizi igienici o a un riparo dal caldo torrido.

L'UNICEF ha ricevuto segnalazioni che all'interno di Mosul, la seconda città dell'Iraq, nessuno dei cinque ospedali è in funzione. Negozi e mercati sono chiusi.
          
«La situazione è terribile e può peggiorare in ogni momento» afferma Babille. «Dobbiamo raggiungere i bambini con acqua potabile, ripari, cibo e protezione. Non possono più aspettare.»

L'UNICEF sta lavorando con i suoi partner per soddisfare le esigenze in rapido aumento delle famiglie sfollate, dei bambini e dei più vulnerabili. 

Le priorità immediate riguardano la fornitura di acqua potabile e servizi igienici adeguati e le vaccinazioni, cruciali per prevenire la diffusione di malattie infettive - tra cui il morbillo e la poliomielite, che è ricomparsa quest’anno in Iraq

L’appello dell'UNICEF per l'intervento umanitario in Iraq nell'arco del 2014 - lanciato prima che iniziassero le violenze di questi giorni - è stato finora finanziato solo per il 16%. Con la crisi attualmente in corso, la necessità di assistenza umanitaria e di finanziamenti aumenteranno, in maniera sensibile e rapida.

«Questa è un'emergenza nell’emergenza» commenta Babille «L'esodo di Mosul fa seguito ad altri drammatici spostamenti in massa di bambini e famiglie avvenuti ad Anbar, e all'ingente afflusso di rifugiati siriani nel nord del paese».

11/06/2014

News ed Aggiornamenti

Salva i bambini con 9 euro al mese: 800914249

Chiama