Iraq, tre bambine uccise in un attacco a Zakho, nel governatorato di Dohuk

2 minuti di lettura

21/07/2022

Almeno 3 bambini sono stati uccisi e diversi feriti a Zakho, nel governatorato di Dohuk, nell'Iraq settentrionale, ieri. Questa è una prova devastante della necessità di fermare l'uso di armi esplosive nelle aree popolate. L'UNICEF è profondamente preoccupato per l'uccisione di 3 bambine di 1, 12 e 16 anni, nell'attacco di ieri.

L'UNICEF condanna tutti gli atti di violenza sui bambini, è vicino alle famiglie in lutto per l'uccisione dei loro figli e augura ai feriti una rapida guarigione. Essere vittima, assistere o temere la violenza non dovrebbe mai far parte dell'esperienza di nessun bambino.

Tutti i bambini n Iraq meritano di vivere le proprie vite senza la costante minaccia di violenza aggravata dall'uso di armi esplosive. L'UNICEF chiede a tutte le parti di rispettare i loro obblighi secondo il diritto internazionale a proteggere i bambini in ogni momento e senza ritardi.

L'utilizzo di armi esplosive in aree popolate sta incrementando in Iraq. Questo attacco fa seguito a un altro recente del 15 giugno nell'area di Sinjar nel Governatorato di Ninewa, in cui un ragazzo di 12 anni è stato ucciso.

Questi attacchi mettono i bambini a rischio non solo oggi ma minacciano le vite delle generazioni future. Negli ultimi 5 anni, almeno 519 bambini sono stati uccisi o feriti (in Iraq) a causa di ordigni esplosivi.
Ancora una volta, l'UNICEF lancia un appello alle parti ad assicurare la sicurezza e il benessere di bambini e giovani e chiede di sostenere il diritto dei bambini a essere protetti e a vivere in un ambiente privo di violenza in ogni momento.

Dichiarazione di Sheema SenGupta, Rappresentante dell'UNICEF in Iraq

21/07/2022

News ed Aggiornamenti

Salva i bambini con 9 euro al mese: 800 90 00 83

Chiama