L'UNICEF sulla situazione in Iran

1 minuto di lettura

17/11/2022

L'UNICEF ha parlato e continuerà a parlare della situazione in Iran. L'UNICEF è profondamente preoccupato per le notizie di bambini uccisi, feriti e detenuti durante le recenti proteste e chiede la protezione dei bambini in tutte le situazioni. La violenza contro i bambini non è mai accettabile.  

L'UNICEF ha chiesto alle autorità iraniane l'obbligo di garantire il rispetto dei diritti dei bambini e la protezione della loro vita e del loro benessere direttamente, come facciamo in tutti i Paesi in cui lavoriamo. Continueremo a sollevare la questione finché tutti i bambini iraniani non saranno al sicuro e in grado di godere dei loro diritti, compreso il diritto alla libertà di espressione. 

Il diritto dei bambini di esprimersi su questioni che li riguardano è sancito dalla Convenzione sui diritti dell'infanzia e dell'adolescenza (CRC) e dovrebbero poterlo fare in un ambiente libero da violenze.

Facciamo eco all'appello del Segretario generale affinché le forze di sicurezza "Si astengano dall'uso della forza non necessaria o sproporzionata". I bambini e gli adolescenti sono il futuro dell'Iran. Come tali, i loro bisogni, le loro aspirazioni, il loro benessere e la loro protezione devono essere una priorità".

Documenti disponibili

Iran humanitarian situation - december 2022pdf / 311 kb

Download

17/11/2022

News ed Aggiornamenti

Salva i bambini con 9 euro al mese: 800 90 00 83

Chiama