La COP26 deve essere la COP per i bambini

3 minuti di lettura

01/11/2021

"La COP26 deve essere la COP per i bambini", ha detto il Direttore generale dell'UNICEF, Henrietta Fore. "Il cambiamento climatico è una delle più grandi minacce che questa generazione deve affrontare, con un miliardo di bambini a rischio altissimo. Eppure, mentre le prospettive sono terribili, i leader mondiali al COP26 hanno un'opportunità significativa e tempestiva per riorientare il terribile cammino che stiamo percorrendo. Possono farlo impegnandosi a rafforzare la resilienza dei servizi da cui dipendono i bambini, e tagliando le emissioni più velocemente e più a fondo. Il futuro di miliardi di bambini dipende da questo".

Secondo il rapporto dell'UNICEF "The Children's Climate Risk Index" (CCRI) quasi ogni bambino sulla terra è esposto ad almeno un rischio climatico e ambientale, come ondate di calore, cicloni, inquinamento atmosferico, inondazioni e carenza d'acqua.

- Circa un miliardo di bambini - quasi la metà dei bambini del mondo - vivono in 33 paesi classificati nell'Indice come "a rischio estremamente elevato". Questi bambini affrontano una combinazione letale di esposizione a molteplici shock climatici e ambientali con un'alta vulnerabilità dovuta a servizi essenziali inadeguati, come acqua e servizi igienici, sanità e istruzione.

- Si stima che 850 milioni di bambini - oltre un terzo di tutti i bambini - vivano in aree in cui si sovrappongono almeno quattro degli shock climatici e ambientali, e ben 330 milioni di bambini vivono in aree colpite da ben cinque grandi shock climatici.

- I bambini dei paesi che contribuiscono meno al cambiamento climatico ne subiscono le maggiori conseguenze. I 33 paesi ad altissimo rischio emettono collettivamente il 9% delle emissioni di CO2. I 10 paesi a più alto rischio emettono collettivamente solo lo 0,5% delle emissioni globali.

Migliorare la resilienza dei servizi chiave da cui dipendono i bambini è spesso il miglior investimento per ridurre i rischi che affrontano.

  • L'accesso a servizi idrici, sanitari e igienici resilienti riduce i rischi per 415 milioni di bambini
  • Servizi sanitari ‘intelligenti’ dal punto di vista climatico riducono i rischi per 460 milioni di bambini
  • Scuole e sistemi educativi resilienti riducono i rischi per 275 milioni di bambini
  • E reti di sicurezza sociale sensibili al clima riducono i rischi per 310 milioni di bambini

La crisi climatica è una crisi dei diritti dei bambini. 

L'UNICEF è presente alla COP26 per assicurare che la crisi climatica sia riconosciuta come una crisi per i bambini e i loro diritti, per promuovere approcci per diminuire il rischio climatico per coloro che sono più vulnerabili, e per sostenere la partecipazione dei bambini e dei giovani alla COP26 come parte degli sforzi per sostenere la partecipazione dei bambini e dei giovani nel processo decisionale sul clima.

Il cambiamento climatico rappresenta una grave minaccia per la salute, la nutrizione, l'istruzione, lo sviluppo, la sopravvivenza e il potenziale futuro dei bambini e dei giovani. Rispetto agli adulti, i bambini richiedono più cibo e acqua per unità di peso corporeo, sono meno capaci di sopravvivere a eventi meteorologici estremi e sono più esposti alle sostanze chimiche tossiche, ai cambiamenti di temperatura e alle malattie, tra gli altri fattori.

Le generazioni attuali e future di bambini dovranno navigare in un futuro incerto in cui l'attuale modello di crescita che lega lo sviluppo economico allo sfruttamento ambientale non è più praticabile.

L'azione alla COP26 è fondamentale. L'UNICEF chiede ai governi di:

  • Aumentare gli investimenti per l'adattamento climatico e la resilienza nei servizi chiave per i bambini
  • Ridurre le emissioni di gas serra
  • Includere i giovani in tutti i negoziati e le decisioni sul clima

01/11/2021

News ed Aggiornamenti

Salva i bambini con 9 euro al mese: 800 90 00 83

Chiama