Lake (direttore UNICEF): la 'tempesta perfetta' del Sahel

3 minuti di lettura

04/04/2012

Dona ora

«Questa è una regione sempre sull'orlo della crisi. Famiglie e bambini sono rimaste indebolite dalla siccità nel 2010 e nel 2005. Ora l'insicurezza sta crescendo in diversi Paesi, con centinaia di migliaia di sfollati. I prezzi dei prodotti alimentari sono aumentati, i raccolti sono stati scarsi» afferma il Direttore dell’UNICEF Anthony Lake, in missione nel Ciad in questi giorni.

«Per i bambini è più difficile riprendersi e resistere alle minacce per la propria salute, come la poliomielite, il morbillo, la meningite e il colera. La popolazione del Sahel si trova sull’orlo di una tempesta perfetta con un milione di bambini a rischio.» 

Per far fronte a questa emergenza, l'UNICEF ha mobilitato operatori specializzati in centinaia di Centri nutrizionali negli otto Stati del Sahel, dove circa 15 milioni di persone sono state colpite dalla siccità.

Visita lo speciale multimediale del nostro sito sull'emergenza Sahel

L'UNICEF in azione

Nei mesi di gennaio e febbraio decine di migliaia di bambini sono stati curati per malnutrizione acuta grave nei Centri, che si stanno riempiendo in fretta con l'inizio della stagione secca, tradizionalmente il periodo più duro dell'anno per le popolazioni locali. 

Il campanello d'allarme sulla crisi nel Sahel era stato già dato nel dicembre scorso, ma la risposta della comunità internazionale è stata inferiore alle esigenze.

In Ciad l'UNICEF ha attivato, in cooperazione con il Ministero della Sanità locale, 261 Centri nutrizionali e ha in programma di raddoppiarne il numero nei prossimi due mesi.

Il Ciad è il paese africano con il maggior numero di casi di polio e il secondo al mondo dopo il Pakistan. Il Ciad sta anche affrontando un’epidemia di meningite.

L'urgenza dei fondi 

L'UNICEF ha ricevuto quasi metà dei 120 milioni di dollari di cui ha bisogno per salvare la vita dei bambini e delle donne che soffrono l'impatto di questa emergenza nel Sahel.

«Non si tratta solo di salvare vite umane oggi. È importante prevenire nuove emergenze domani, con una corretta alimentazione soprattutto per i bambini di età inferiore a tre anni. Si tratta di rafforzare i sistemi sanitari per poter prevenire un'altra tragica emergenza e fare in modo che i bambini non debbano finire nei centri nutrizionali» conclude Lake. «Questi paesi, senza sbocco sul mare, con climi difficili, hanno bisogno di aiuto prima e dopo queste crisi.»

Questa settimana i Comitati nazionali UNICEF di 36 Paesi – compresa l’Italia - hanno lanciato congiuntamente la campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi “Emergenza nel Sahel - 1 milione di bambini a rischio - Dai l'allarme!”, che proseguirà nei prossimi giorni. 

Come puoi aiutare

 Anche tu puoi contribuire a salvare la vita dei bambini con una donazione online oppure con un degli altri modi per donare:

bollettino di c/c postale numero 745.000, intestato a UNICEF Italia, specificando la causale “Emergenza Sahel”  
carta di credito online sul nostro sito oppure telefonando al Numero Verde UNICEF 800 745 000
bonifico bancario sul conto corrente intestato a UNICEF Italia su Banca Popolare Etica: IBAN IT51 R050 1803 2000 0000 0510 051, specificando la causale “Emergenza Sahel"
- donazione presso il Comitato UNICEF della tua città (trova qui quello più vicino a te)

Per saperne di più #SahelNOW

04/04/2012

News ed Aggiornamenti

Salva i bambini con 9 euro al mese: 800900083

Chiama