Libia: quasi 300.000 bambini colpiti dalla tempesta Daniel, che ha devastato intere comunità

4 minuti di lettura

15/09/2023

Si stima che quasi 300.000 bambini siano stati esposti alla potente tempesta Daniel nella Libia orientale e che un numero crescente di bambini e famiglie abbia un disperato bisogno di assistenza umanitaria, in seguito ai danni significativi subiti da numerose abitazioni, ospedali, scuole e altre infrastrutture essenziali

La tempesta Daniel ha scatenato il caos in tutta la Libia orientale domenica, facendo scoppiare dighe e distruggendo edifici in molte città, ma in particolare ad Al Bayda, Al Marj e nella città costiera di Derna. Derna, una città di circa 90.000 abitanti, era già stata gravemente colpita dal conflitto e il suo percorso di ripresa è ora tornato indietro di anni, data l'immensa devastazione.

Secondo quanto riferito, la tempesta Daniel ha causato la morte di oltre 5.000 persone, mentre altre centinaia risultano ancora disperse. Almeno 30.000 sfollati interni, riparati nelle scuole e in molte aree, rimangono isolati e inaccessibili. Almeno tre ospedali sono attualmente fuori servizio e almeno dieci centri di assistenza sanitaria primaria sono allagati. 

"I bambini libici stanno affrontando un'altra tragedia dopo oltre un decennio di conflitto. La nostra priorità è aumentare l'assistenza salvavita, in particolare fornendo forniture sanitarie, acqua e servizi igienici, sostegno psicosociale, rintracciare le famiglie e prevenire le malattie trasmesse dall'acqua. Per evitare una catastrofe, non possiamo permetterci di perdere tempo", ha dichiarato Michele Servadei, Rappresentante dell'UNICEF in Libia, che sta visitando le aree colpite dalle inondazioni. "Sappiamo da precedenti disastri in tutto il mondo che le conseguenze delle inondazioni sono spesso più letali per i bambini dell'evento meteorologico estremo stesso. I bambini sono tra i più vulnerabili e sono ad alto rischio di epidemie, mancanza di acqua potabile, malnutrizione, interruzione dell'apprendimento e violenza".

Un grave rischio per la salute

Oltre ai rischi immediati di morti e feriti, le inondazioni in Libia rappresentano un grave rischio per la salute e la sicurezza dei bambini. Con la compromissione delle forniture di acqua sicura, aumentano notevolmente le possibilità di epidemie di diarrea e colera, oltre che di disidratazione e malnutrizione. Nel frattempo, i bambini che perdono i genitori o vengono separati dalle loro famiglie sono più esposti a rischi per la protezione, come la violenza e lo sfruttamento. 

L'UNICEF sostiene attivamente i bambini in Libia dal 1957 e ha mobilitato forniture vitali per sostenere la risposta umanitaria immediata. Queste includono forniture mediche essenziali per 10.000 persone, 1.100 kit per l'igiene, materiali per il trattamento dell'acqua e kit con vestiti per 500 bambini.

L'UNICEF ha bisogno di almeno 6,5 milioni di dollari per interventi urgenti salvavita ed è pronto a sostenere i bambini e le famiglie che necessitano di aiuti umanitari ad Al Bayda, Al Marj, Bengasi, Derna e nelle altre aree colpite. Le priorità immediate sono l'acqua potabile, le forniture mediche e le squadre sanitarie mobili, il sostegno psicosociale e il rintracciamento delle famiglie.

La portata dell'assistenza umanitaria sarà più chiara nei prossimi giorni, man mano che le valutazioni sul campo continueranno e l'UNICEF è pronto a impegnarsi con le autorità nella fase di recupero e ricostruzione, in particolare per quanto riguarda le strutture sanitarie, idriche e scolastiche.

15/09/2023

News ed Aggiornamenti

Dona 9 euro al mese: 800 90 00 83

Chiama