Myanmar, triplicate le vittime civili causate da mine e ordigni inesplosi nell'escalation del conflitto

2 minuti di lettura

04/04/2024

Nuovi dati diffusi dall'UNICEF rivelano un allarmante aumento delle vittime civili – tra cui molti bambini – causate dall'uso di mine e altri ordigni esplosivi utilizzati dalle differenti parti nell'escalation del conflitto in Myanmar. I dati diffusi dall'UNICEF in occasione della Giornata Internazionale per la sensibilizzazione e l'assistenza sulle mine (oggi) mostrano che nel 2023 ci sono state 1.052 vittime civili accertate a causa di incidenti causati da mine e ordigni esplosivi – quasi il triplo rispetto ai 390 incidenti registrati nel 2022. Oltre il 20% delle vittime erano bambini.

"L'uso delle mine terrestri non solo è riprovevole, ma può costituire una violazione del diritto internazionale umanitario ", ha dichiarato Debora Comini, Direttrice regionale dell'UNICEF per l'Asia orientale e il Pacifico. "È imperativo che tutte le parti in conflitto diano priorità alla sicurezza e al benessere dei civili, in particolare dei bambini, e adottino misure immediate per fermare l'uso di queste armi indiscriminate".

Con l'estendersi del conflitto in Myanmar negli ultimi mesi, quasi tutti gli Stati e le regioni del Paese, ad eccezione della capitale Naypyitaw, sarebbero stati contaminati dalle mine. Il Myanmar è ora tra i Paesi più contaminati da mine e ordigni esplosivi a livello mondiale.

Bambini vulnerabili alle mine

I bambini sono particolarmente vulnerabili alle mine, perché hanno meno probabilità di riconoscerle e possono non essere consapevoli dei loro pericoli. La diffusione capillare delle armi in tutto il Paese significa che i bambini possono incontrare le mine praticamente ovunque, anche vicino alle loro case, alle scuole, ai parchi giochi e alle aree agricole.

In Myanmar, le mine terrestri vengono usate indiscriminatamente da tutte le parti in causa in un conflitto che si sta intensificando e che ha provocato lo sfollamento di oltre 2,8 milioni di persone e l'estremo bisogno di aiuti umanitari per oltre 18 milioni di persone.

Nel 2023, l'UNICEF ha raggiunto 138.855 persone, compresi i bambini, in Myanmar con interventi di prevenzione delle mine o di altre armi esplosive e di assistenza ai sopravvissuti. Per il 2024, l'UNICEF chiede 208,3 milioni di dollari per fornire assistenza salvavita e servizi essenziali ai 3,1 milioni di bambini e famiglie più colpite dalla crisi in corso in Myanmar.

04/04/2024

News ed Aggiornamenti

Dona 9 euro al mese: 800 90 00 83

Chiama