Niger, 58 civili uccisi in un attacco. Tra loro anche 6 bambini

2 minuti di lettura

17/03/2021

L'UNICEF condanna con la massima fermezza le orribili uccisioni di civili perpetrate da gruppi armati non identificati nei villaggi di Darey-dey e Sinégogar, nella regione di Tillabery, nel Niger occidentale, che avrebbero ucciso almeno 58 persone - compresi sei bambini dagli 11 ai 17 anni. "Siamo profondamente rattristati e indignati che i civili, compresi i bambini, siano tra le vittime.

All'inizio di gennaio, nella stessa regione, gruppi armati hanno effettuato attacchi coordinati nei villaggi di Tchamo-Bangou e Zaroumdareye, uccidendo almeno 100 persone - tra cui  17 bambini sotto i 16 anni.

L'impennata della violenza armata nella regione del Sahel centrale sta avendo un impatto devastante sulla sopravvivenza, l'istruzione, la protezione e lo sviluppo dei bambini. La crescente insicurezza lungo i confini con il Burkina Faso e il Mali ha esacerbato i bisogni nella regione di Tillabery, dove più di 95.000 persone sono sfollate.

Negli ultimi mesi, l'accesso da parte degli operatori umanitari alle popolazioni colpite dal conflitto è stato ostacolato. Raggiungere chi ha bisogno è sempre più impegnativo. La violenza sta interrompendo i mezzi di sussistenza e l'accesso ai servizi sociali, tra cui l'istruzione e l'assistenza sanitaria. L'insicurezza sta peggiorando le vulnerabilità croniche. Le donne e i bambini stanno sopportando il peso maggiore della violenza.

Il Niger continua ad affrontare una combinazione di crisi umanitarie ad insorgenza rapida e prolungate che sono state esacerbate dagli impatti della pandemia da COVID-19. Circa 3,8 milioni di persone, tra cui 2 milioni di bambini, hanno bisogno di assistenza umanitaria in tutto il paese.

L'UNICEF continua a lavorare con il governo e i suoi partner nelle comunità colpite per fornire ai bambini e alle famiglie servizi essenziali di protezione, assistenza sanitaria e istruzione, ma sono urgentemente necessari un sostegno e un impegno aggiuntivi da parte della comunità internazionale per fermare la violenza e aiutarci a raggiungere i più bisognosi."

Dichiarazione del Direttore regionale dell'UNICEF Marie-Pierre Poirier

17/03/2021

News ed Aggiornamenti

Salva i bambini con 9 euro al mese: 800914249

Chiama