Nuovo rapporto su stime mortalità infantile: il mondo resta in ritardo sul raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile

5 minuti di lettura

20/12/2021

Secondo le ultime stime rilasciate oggi dal Gruppo inter-agenzie delle Nazioni Unite per la stima della mortalità dei bambini (UN IGME), il mondo rimane notevolmente in ritardo nel raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per porre fine alle morti prevenibili di neonati e bambini sotto i cinque anni.

Secondo il rapporto, senza un'azione immediata, più di 50 paesi non raggiungeranno l'obiettivo sulla mortalità sotto i cinque anni entro il 2030, e più di 60 paesi mancheranno l'obiettivo sulla mortalità neonatale. Gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile chiedono di porre fine alle morti prevenibili dei neonati e dei bambini sotto i 5 anni, e tutti i paesi puntano a raggiungere un tasso di mortalità neonatale di 12 o meno morti per 1.000 nati vivi, e un tasso di mortalità sotto i cinque anni di 25 o meno morti per 1.000 nati vivi, entro il 2030.

Il rapporto afferma che oltre 5 milioni di bambini sono morti prima di compiere il quinto compleanno solo nel 2020, insieme a 2,2 milioni di bambini e giovani dai 5 ai 24 anni.

"Stiamo ancora perdendo troppe giovani vite per cause in gran parte prevenibili, spesso a causa di sistemi sanitari deboli e sottofinanziati che hanno affrontato un'enorme pressione sulla pandemia. E il peso di queste morti non è distribuito equamente in tutto il mondo. I bambini dell'Africa sub-sahariana e dell'Asia meridionale continuano ad affrontare il più alto rischio di morte nel mondo e a sopportare il peso maggiore in termini di mortalità dei bambini", ha dichiarato Mark Hereward, Direttore associato dell'UNICEF per i dati e le analisi. "Se vogliamo raggiungere gli Obiettivi di sviluppo sostenibile per la mortalità dei bambini in tutti i paesi, dobbiamo raddoppiare gli sforzi per garantire l'accesso a cure efficaci e di alta qualità e la continua espansione della copertura degli interventi salvavita".

Il rapporto dell'IGME delle Nazioni Unite ha anche sottolineato che continuano a non essere disponibili dati recenti e affidabili sulla mortalità dei bambini, degli adolescenti e dei giovani per la maggior parte dei paesi del mondo, in particolare per i paesi a basso reddito, e che la pandemia da COVID-19 ha comportato ulteriori sfide per migliorare la disponibilità e la qualità dei dati. Solo circa 60 paesi, principalmente ad alto reddito, hanno un sistema di registrazione civile e di statistiche anagrafiche ben funzionante che produce dati sulla mortalità tempestivi e di alta qualità.

Nei paesi a basso e medio reddito, rimangono enormi lacune nei dati - due terzi (97 paesi su 135) non hanno avuto dati affidabili sulla mortalità negli ultimi 3 anni. Allo stesso modo, la pandemia da COVID-19 ha posto ulteriori sfide alla raccolta dei dati e ha evidenziato l'urgente necessità di colmare le lacune di dati.

"I paesi devono investire in servizi sanitari di qualità, nella nutrizione e in altri interventi salvavita per donne e bambini per assicurare che i risultati duramente conquistati nella lotta alla mortalità dei bambini non vadano persi e per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile", ha dichiarato Feng Zhao, Responsabile dell'ufficio Salute, Nutrizione e Popolazione della Banca Mondiale. "La Banca Mondiale continua a essere impegnata ad aiutare i paesi a basso e medio reddito a migliorare la salute di donne e bambini e ad accelerare la riduzione della mortalità dei bambini, anche attraverso partnership come il Global Financing Facility (GFF)".

I dati analizzati dall'IGME

L'IGME delle Nazioni Unite ha analizzato l'eccesso di mortalità legato al COVID-19 sulla base dei dati di mortalità che il gruppo ha ricevuto da oltre 80 paesi, la metà dei quali sono paesi a basso o medio reddito. In seguito all'analisi di questi dati e alle raccomandazioni del suo gruppo tecnico consultivo, l'IGME delle Nazioni Unite non ha corretto il tasso del 2020 per la mortalità legata al COVID-19. Tuttavia, man mano che si rendono disponibili più dati di buona qualità, è necessario un ulteriore monitoraggio per avere un quadro più completo della mortalità di bambini, adolescenti e giovani, così come dei relativi fattori che vi contribuiscono. I futuri investimenti nella risposta al COVID-19 e nella salute globale dovrebbero potenziare tutti gli elementi dell'infrastruttura sanitaria globale, anche lasciando un impatto duraturo sui dati e sui sistemi sanitari primari per contribuire a porre fine alle morti prevenibili dei bambini.

"Sono necessari sforzi intensificati per fornire servizi sanitari di qualità per tutti i bambini e gli adolescenti, il che significa anche raccogliere i dati necessari per garantire che i loro bisogni fisici, di sviluppo ed emozionali siano raggiunti per tutta la vita", ha dichiarato il dottor Anshu Banerjee, direttore per la salute materna, neonatale, dei bambini e degli adolescenti e l'invecchiamento presso l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). "Investire nei bambini è una delle cose più importanti che una società possa fare per costruire un futuro migliore".

Il rapporto avverte che, poiché i dati rimangono scarsi, i risultati per i bambini e gli adolescenti nel 2021 e oltre rimangono sconosciuti. Per esempio, la pandemia da COVID-19 potrebbe influenzare la mortalità dei bambini in modo diverso a seconda della fascia d'età e dello status socioeconomico. Saranno necessari dati tempestivi e accurati e un attento monitoraggio per capire l'impatto a lungo termine del COVID-19.

Documenti disponibili

levels and trends in child mortality (in inglese)pdf / 3.51 Mb

Download

20/12/2021

News ed Aggiornamenti

Salva i bambini con 9 euro al mese: 800 90 00 83

Chiama