Orrore a Mosul (Iraq), bombardata una scuola

1 minuto di lettura

08/06/2014

L’UNICEF è profondamente preoccupato per le notizie di bambini rimasti colpiti in un attacco a colpi di mortaio che ha visto come obiettivo una scuola nella città di Mosul nel nord dell'Iraq durante gli scontri tra militanti e forze governative sabato scorso, 7 giugno.

Ogni attacco contro  bambini o scuole è una grave violazione dei diritti dei bambini come sottolineato nelle Risoluzioni del Consiglio di Sicurezza 1612 e 1882.

Le scuole sono luoghi di pace dove i bambini dovrebbero poter giocare e imparare in condizioni di sicurezza e protezione; violazioni di questo tipo minacciano i principi umanitari di base sui quali ogni cultura, religione o governo devono convenire, e contribuiscono inoltre a intensificare la spirale di violenze in Iraq.

L’UNICEF condanna questi attacchi e chiede di porre fine a tutte le azioni che mettono in pericolo i bambini. 

08/06/2014

News ed Aggiornamenti

Salva i bambini con 9 euro al mese: 800914249

Chiama