"Ri-batti il cinque!", le associazioni chiedono al governo risorse certe per l'infanzia

2 minuti di lettura

17/04/2014

La rete di associazioni per l'infanzia "Batti il cinque!" (di cui fa parte anche l'UNICEF Italia) ha preso parte alla Conferenza Nazionale su Infanzia e Adolescenza, tenutasi a Bari il 27 e 28 marzo 2014

Le associazioni hanno individuato nel titolo stesso della conferenza - “Investire sull’infanzia” - un obiettivo importante, che chiede un riscontro in politiche attive, costruzione di  piani progettuali a lungo termine capaci di indicare priorità prospettive e azioni, impegni economici chiari con risorse certe, adeguate e durature, luoghi stabili di costruzione condivisa del benessere dei bambini, dei ragazzi e delle loro famiglie, un serio ascolto delle proposte provenienti dalle organizzazioni della società civile impegnate in questo ambito.

“Investire sull’infanzia” significa prima di tutto restituire centralità culturale e strategica ai diritti previsti dalla Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza e superare per sempre la logica di politiche residuali ed emergenziali.

Per questo nel nuovo documento "Ri-Batti il cinque!" elaborato in vista delle Conferenza, la rete propone al Governo:

  1. la modifica dell'attuale sistema di precarietà, di emergenza e di taglio continuo delle risorse per l'infanzia e l'adolescenza, verso la definizione di un sistema integrato e stabile di pianificazione delle politiche e di allocazione certa e duratura delle risorse umane ed economiche
  2. il rilancio del Piano Nazionale per l'infanzia e l'adolescenza, dotato di adeguata copertura economica al fine di rendere praticabili sull’intero territorio nazionale le azioni previste
  3. l'integrazione dei diversi luoghi di interlocuzione istituzionale competenti per le politiche per l'infanzia e l'adolescenza
  4. il coordinamento tra Ministeri e Dipartimenti con competenze su infanzia e adolescenza, al fine di garantire adeguata governance e una regia unitaria delle politiche 
  5. la definizione dei livelli essenziali di prestazioni concernenti i diritti civili e sociali dei bambini e dei ragazzi, in applicazione di quanto previsto dall’art. 117 lett. m) della Costituzione Italiana, sulla base dei diritti sanciti dalla citata Convenzione ONU.

 

Sottoscrivi il documento "Ri-batti il Cinque!" 

Documenti disponibili

Scarica il documento "Ri-batti il Cinque!"pdf / 119 kb

Download

17/04/2014

News ed Aggiornamenti

Chiama Ora il 800 91 42 49 e dona 9 euro al mese!

Chiama