Roma, 25 maggio: presentazione del progetto Airone, dedicato ai figli delle donne vittime di femminicidio

3 minuti di lettura

23/05/2022

Il prossimo 25 maggio, alle ore 15:00, presso il Museo Orto Botanico di Roma si terrà la conferenza stampa di presentazione del progetto Airone: "Voglio tornare ad essere felice".

Il progetto, nato su iniziativa dell’Associazione “Il Giardino Segreto” di cui l'UNICEF è partner, è stato selezionato da Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile e si rivolge ai figli delle donne vittime di femminicidio e a tutti quelli che si prendono cura di loro. 

La presente conferenza stampa si colloca per l'UNICEF tra gli appuntamenti della "Settimana dei Diritti" che celebra il 31° anniversario della ratifica italiana della Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, firmata il 27 maggio 1991 per riconoscere il diritto alla protezione da ogni tipo di abuso, sfruttamento e violenza.

Il programma

L'evento, si terrà presso la Sala dell'Aranciera all'interno del Museo Orto Botanico di Roma, e vedrà l'intervento dei diversi partner del progetto e di alcune figure istituzionali.

  • Appuntamento alle ore 15:00 con il saluto introduttivo e la presentazione del progetto Airone di Patrizia Schiarizza, Avvocata e Presidente de Il giardino segreto.
  • Seguirà l'intervento di Laura Galesi, Responsabile Comunicazione Con i bambini con la proiezione video del Progetto Airone
  • Saluti istituzionali: Michela di Biase, Consigliera Regione Lazio e Francesco Menditto, Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Tivoli

A seguire, spazio alle testimonianze: interverranno Stefania, Luigia e Florencia, con il video saluto di  Cristiana Capotondi

Gli interventi: 

  • “Airone: un percorso di aiuto integrato ed olistico per gli orfani di crimini domestici”
    Alberto Spalice, Professore Ordinario Pediatria Direttore U.O.C. Pediatria Dip. materno Infantile Policlinico Umberto I Università di Roma La Sapienza
  • “Airone: il lutto traumatico nella presa in carico degli orfani di femminicidio”
    Vincenzo Caretti, Professore Ordinario di Psicoterapia Università LUMSA di Roma
  • “L’importanza di formare una rete di professionisti competenti ed empatici”
    Antonella Nuzzaci, Professoressa Associata di Pedagogia Sperimentale, Presidente del Consiglio di Area Didattica in Educazione presso il Dipartimento di Scienze Umane Università degli Studi De L’Aquila
  • “Ascoltare e dare risposte alle famiglie affidatarie”
    Patrizia Schiarizza, Avvocata e Presidente de Il giardino segreto
  • “La prevenzione come chiave del cambiamento e strumento di protezione: educare e rieducare alla non violenza”
    Annamaria Giannini, Direttrice del Dipartimento di Psicologia e Professore Ordinario di Psicologia Generale, Facoltà di Medicina e Psicologia, Sapienza Università di Roma
  • “La Child Safeguarding Policy (CSP) uno strumento di tutela dell’infanzia al servizio degli orfani di crimini domestici”
    Elisa Grifantini, Responsabile Advocacy Nazionale Comitato Italiano per l’UNICEF
  • “Nuovi scenari d’inclusione sociale dei figli e dei familiari delle vittime di femminicidio alla luce della riforma del sistema sociale”
    Dott. Renato Briante, Docente, Formatore, Consulente, Responsabile Progettazione FNAS Fondazione Nazionale Assistenti Sociali

Modera: Livia Zancaner, giornalista Il Sole 24 ore

23/05/2022

News ed Aggiornamenti

Salva i bambini con 9 euro al mese: 800 90 00 83

Chiama