Salute mentale, delegazione UNICEF incontra il Ministro della Salute Orazio Schillaci

4 minuti di lettura

06/03/2024

Oggi a Roma una delegazione dell'UNICEF ha incontrato il Ministro della Salute Orazio Schillaci: focus in particolare il tema della salute mentale dei bambini e dei giovani in Italia e la consegna di oltre 21.000 adesioni raccolte per la petizione UNICEF "Salute per la mente di bambini e adolescenti".

La delegazione dell'UNICEF era composta da Regina De Dominicis, Direttore regionale UNICEF per l'Europa e l'Asia Centrale, Nicola Dell'Arciprete, Coordinatore in Italia dell'Ufficio UNICEF per l'Europa e l'Asia Centrale, Paolo Rozera, Direttore generale UNICEF Italia e Andrea Iacomini, Portavoce dell'UNICEF Italia.

In questa occasione l'UNICEF ha idealmente consegnato al Ministro le oltre 21.000 adesioni raccolte per la petizione UNICEF "Salute per la mente di bambini e adolescenti" per chiedere azioni a sostegno del benes-sere psicosociale e della salute mentale di bambine, bambini e adolescenti. Secondo gli ultimi dati UNICEF più di 11 milioni di bambini e giovani nell'Unione Europea soffrono di problematiche legate alla salute mentale. Gli adolescenti hanno maggiori probabilità di essere esposti a ansia e depressione, che colpiscono un quinto dei giovani tra i 15 e i 19 anni.

L'UNICEF è presente in Italia dal 2016 attraverso il suo Ufficio Regionale per l'Europa e l'Asia Centrale (ECARO). Durante l'incontro, è stata sottolineata l'importanza della collaborazione nel piano d'azione della Garanzia per l'Infanzia, con un focus su salute mentale, disabilità e educazione sessuale. L'UNICEF ha offerto il proprio supporto tecnico per implementare programmi e attività sulla salute mentale, con particolare at-tenzione alle disparità regionali e all'accesso ai servizi primari. Si è sottolineata l'importanza di questo lavoro per affrontare la povertà minorile e l'esclusione sociale, soprattutto nel Sud Italia e con particolare attenzione a giovani e adolescenti migranti e rifugiati. Infine, si è evidenziata la necessità e l'impegno a migliorare l'ac-cesso ai servizi sanitari riproduttivi per giovani rifugiati e migranti in Italia.
Altri temi dell'incontro sono stati: la creazione del Tavolo Tecnico Permanente sulla Salute Mentale della fascia 0-18 anni, previsto dal Piano di Azione Nazionale Garanzia Infanzia; l'incontro dei tecnici del Ministero della Salute con le ragazze e i ragazzi dello Youth Advisory Board - YAB (l'ultimo è avvenuto a Napoli a set-tembre); il lavoro dell'UNICEF insieme con la Commissione Europea - DG Reform per supportare la ri-chiesta di supporto tecnico avanzata dalle autorità italiane in merito al rafforzamento dei servizi integrati di supporto psico-sociale e di salute mentale per la popolazione minorile; Il lavoro svolto dal Ministero della Salute congiuntamente al Ministero dell'Interno per delineare le procedure di presa in carico dei soggetti portatori di vulnerabilità tra la popolazione migrante e rifugiata in arrivo.

L'UNICEF, in linea con le ultime raccomandazioni all'Italia del Comitato ONU sui diritti dell'infanzia, ha ricordato al Ministro l'importanza di garantire, consolidandone la diffusione, i servizi di  prevenzione e sostegno psicologico nei contesti educativi e comunitari per tutte le bambine, i bambini e gli adolescenti che ne hanno bisogno, con un'attenzione particolare ai contesti vulnerabili. Investire maggiormente e a lungo termine sui servizi di salute mentale è una priorità, considerato che in Italia la spesa pubblica per questo settore è tra le più basse d'Europa.

L'UNICEF Italia inoltre ha presentato al Ministro la richiesta di aggiornamento della lista delle Pato-logie dello Screening Neonatale e una serie di proposte per implementare e attuare il Programma UNICEF "Insieme per l'Allattamento" per promuovere e sostenere una cultura dell'allattamento su tutto il territorio nazionale.

06/03/2024

News ed Aggiornamenti

Dona 9 euro al mese: 800 90 00 83

Chiama