Samira: “La scuola ha aggiunto così tanto alla mia vita. Non volevo sposarmi”

3 minuti di lettura

23/11/2021

Dori, Burkina Faso. Samira*, 15 anni, ha subìto in prima persona gli effetti distruttivi degli attacchi alle scuole, ma anche la speranza che solo l’educazione può dare.

Ricorda il giorno in cui il suo mondo si è ribaltato: “Due anni fa, alcuni uomini armati hanno attaccato le nostre scuole. Eravamo in classe e abbiamo sentito colpi di fucile e le persone gridare ovunque” ha detto.

A seguito dell’attacco Samira e le sue compagne hanno iniziato a correre in cerca di un luogo sicuro. 

"Una mattina intorno alle 10 del mattino, uomini armati non identificati sono andati a scuola e hanno inseguito gli studenti", racconta Aisha*, una dei membri della comunità. "Il mio cortile era il più vicino alla scuola e Samira è stata la prima a venire da me."

Samira dopo quell’episodio ha dovuto lasciare la scuola. Le restava una sola possibilità: il matrimonio. 

"Vivevo con mia nonna e a causa dell'attacco ho smesso di andare a scuola. Non stavo lavorando, quindi mia nonna ha deciso di darmi in sposa".

Non volevo sposarmi. Volevo continuare i miei studi

Samira, 15 anni

La scelta di spostarsi verso Dori, a 54 km dal suo villaggio

Samira ha vissuto in strada per sei mesi, senza riuscire a trovare una fissa dimora, mentre cercava un lavoro per sbarcare il lunario.

“Non conoscevo nessuno e non avevo un posto dove dormire” ha aggiunto. “Sono andata di casa in casa a lavare i vestiti, le stoviglie… solitamente dormivo nelle case dove prestavo servizio. Qualche volta c’erano uomini che mi costringevano a dormire con loro.”

Un giorno Samira ha incontrato una donna che si è presa cura di lei: l’ha invitata a vivere a casa sua insieme ai suoi figli e le ha presentato il progetto supportato dall’UNICEF per i ragazzi fuori dalla scuola.

“La scuola è importante per me perché posso leggere e comprendere le cose: se qualcuno mi chiede di fare qualcosa io posso farlo perché vado a scuola”.

Biologia e scienze della terra, così come educazione fisica, sono alcune delle materie preferite di Samira.


Aisha spera che Samira sarà in grado di finire i suoi studi senza interruzioni.
“Oggi quello che spero per questi bambini è che continuino la loro istruzione in pace e in buona salute. Vorrei che abbiano un futuro”.

Per approfondire

Negli ultimi 5 anni, con più di 1500 incidenti verificati dalle Nazioni Unite, l’Africa Occidentale e Centrale resta una delle regioni più colpite dagli attacchi a scuole ed ospedali.

Nel 2020, tre su cinque dei paesi più colpiti da questa violazione erano nella regione e il Burkina Faso è stato uno dei quattro Stati più colpiti al mondo. Clicca qui per saperne di più.

* Samira e Aisha sono nomi inventati per tutelare le loro identità

23/11/2021

News ed Aggiornamenti

Salva i bambini con 9 euro al mese: 800 90 00 83

Chiama