Siria, distribuzione di aiuti UNICEF ad Aleppo e Talbiseh

3 minuti di lettura

18/04/2013

L’UNICEF e le organizzazioni partner hanno appena terminato la distribuzione di aiuti umanitari di prima necessità ad Aleppo, città della Siria settentrionale difficile da raggiungere e teatro di scontri armati. 

Un’altra missione, questa settimana, ha permesso di portare altri aiuti di emergenza per donne e bambini a Talbiseh, cittadina nei pressi di Homs, una delle aree più martoriate dal conflitto in Siria.

Insieme alla Mezzaluna Rossa siriana e ad altre agenzie delle Nazioni Unite, l'UNICEF ha portato ad Aleppo 4 camion con un carico di 89 kit medici, articoli per l'igiene sufficienti per 2.000 famiglie e 2 kit per la rianimazione, oltre a 1.000 asciugamani, 48 casse di sapone, capi di vestiario estivi e materiali scolastici.

La felicità delle madri per i medicinali

«La situazione è estremamente difficile per via del conflitto» ha detto Ettie Higgins, Vice-rappresentante dell’UNICEF in Siria, dopo esser rientrata a Damasco da Aleppo, giovedì. «L’UNICEF continua a lavorare senza sosta, insieme alle organizzazioni partner, per assicurare che i bambini, ovunque si trovino, soprattutto quelli che versano nelle condizioni più rischiose, siano raggiunti dagli aiuti umanitari.»

Nella missione diretta a Talbiseh, sono stati distribuiti aiuti umanitari per 55.000 abitanti tramite 9 camion carichi di scorte mediche di emergenza, cibo, 1.000 kit per l’igiene familiare, 500 kit per neonati, 160 "scuole in scatola" e 900 bottiglie di shampoo.
 
«Non dimenticherò mai la felicità dei bambini quando hanno visto arrivare i camion, specialmente quando hanno visto i materiali scolastici» ha dichiarato Abdul Kadir Musse, Responsabile del team UNICEF operativo ad Homs, sottolienando che le mamme erano particolarmente contente di vedere arrivare medicine per i loro figli.

Necessità in aumento, ma mancano i fondi

Le condizioni di vita in Siria, specialmente nelle zone più colpite dal conflitto, sono sempre più disperate. Mentre cresce il livello della violenza e delle devastazioni, sono i bambini a sopportare il peso della crisi. 

Molti ospedali, scuole e case sono stati distrutti, più di 4 milioni di persone - metà delle quali bambini - sono sfollate all’interno del paese, per lo più in condizioni di sovraffollamento e scarsa igiene.

Nonostante gli enormi ostacoli e la scarsità di fondi, l’UNICEF e i suoi partner continuano a garantire assistenza ai bambini in Siria e agli oltre 600.000 bambini rifugiati negli Stati della regione.

I donatori hanno finora dimostrato un sostegno generoso al lavoro dell’UNICEF, ma le necessità dei bambini siriani e delle loro famiglie stanno aumentando in maniera esponenziale, e per questo occorrono con urgenza ulteriori fondi.  


Come puoi aiutare i bambini nella Siria 

Speciale Siria: video, foto e news

Anche tu puoi contribuire a salvare la vita dei bambini con una donazione online oppure con uno degli altri modi per donare:

bollettino di c/c postale numero 745.000, intestato a UNICEF Italia, specificando la causale “Emergenza Siria”  
carta di credito online sul nostro sito oppure telefonando al Numero Verde UNICEF 800 745 000
bonifico bancario sul conto corrente intestato a UNICEF Italia su Banca Popolare Etica: IBAN IT51 R050 1803 2000 0000 0510 051, specificando la causale “Emergenza Siria"
- donazione presso il Comitato UNICEF della tua città (trova qui quello più vicino a te)

18/04/2013

News ed Aggiornamenti

Un vaccino anti COVID-19 per tutti con la Rete del Dono

Scopri di più