Siria nordorientale, migliaia di bambini a rischio

4 minuti di lettura

14/10/2019

15 ottobre 2019 – Secondo l’UNICEF, dei circa 70.000 bambini sfollati a causa dell’escalation delle ostilità di circa una settimana fa in Siria nordorientale, molti hanno cercato rifugio da parenti, amici e comunità ospitanti.

Ad ora, sono stati identificati 33 rifugi collettivi – la maggior parte scuole ed edifici in costruzione – nelle città di Hasakeh, Raqqa e Tal Tame, che stanno ospitando circa 3.400 persone, ma, visto che la maggior parte delle persone non rimane a lungo, il numero fluttua rapidamente. L’UNICEF sta fornendo assistenza d’emergenza alle famiglie quando queste arrivano ai rifugi.

Il 13 ottobre sono arrivate notizie di bombardamenti vicino al campo Ein Issa. Il campo ospita circa 13.000 sfollati interni, fra cui circa 8.000 bambini.

Un numero non specificato di persone potrebbe essere fuggito dal campo. 27 bambini non accompagnati fra i 2 e i 14 anni, fra cui 24 stranieri, sono stati evacuati in sicurezza dalla città Ar-Raqqa. Un team medico mobile dell’UNICEF li visiterà oggi.

L’11 ottobre, circa 5.000 persone, fra cui circa 3.100 bambini, hanno cominciato ad evacuare dal campo di Mabruka per preoccupazioni di sicurezza.

Il 13 ottobre, c’erano circa 15 famiglie, la maggior parte donne e bambini, che non hanno potuto lasciare il campo in sicurezza.

Infine, nel campo di Al-Hol, che ospita circa 64.000 bambini e donne, l’UNICEF e i suoi partner continuano gli sforzi per portare l’acqua, circa 300 m3 al giorno.

Nonostante l’accesso limitato per la situazione in evoluzione, i partner dell’UNICEF per la salute e la nutrizione ad Al-Hol sono riusciti a raggiungere donne e bambini in due sezioni del campo con servizi per la salute e la nutrizione.

L’UNICEF conferma la morte di almeno 4 bambini e il ferimento di altri 9 in Siria nordorientale. Secondo alcune notizie, sarebbero anche stati uccisi 7 bambini in Turchia. 170.000 bambini potrebbero richiedere assistenza umanitaria a causa delle violenze.

Almeno una scuola a Tal Abiad è stata attaccata. A Ras Al-Ain le scuole, le cliniche e i mercati sono chiusi dal 9 ottobre.

Nella città di Tal Abiad, l’acqua e l’elettricità rimangono indisponibili e l’ospedale nazionale è chiuso dall’11 ottobre.

I nostri partner a Ras al-Ain e Tal Abiad hanno dovuto fermare la maggior parte del loro lavoro, visto che molti del loro staff e volontari sono fra la popolazione sfollata.

La stazione idrica di Alouk, che porta acqua a 400.000 persone ad Al Hasakeh, continua a rimanere fuori servizio.

I team tecnici hanno potuto esaminare la stazione idrica e fare alcune riparazioni ieri, ma i danni alle linee elettriche potrebbero non essere immediatamente riparabili.

Una fornitura d’acqua alternativa, proveniente dalla stazione di pompaggio idrico di Al Himme, può soddisfare solo il 30% dei bisogni ad Al Hasakeh, le persone attualmente stanno utilizzando pozzi poco profondi, ma quest’acqua non è sicura, quindi è fondamentale che la stazione di pompaggio dell’acqua di Alouk torni in servizio.

L’UNICEF fornirà il carburante per i generatori d’emergenza, e stiamo trasportando acqua agli accampamenti con persone sfollate.

Mentre la violenza continua ad aumentare, l’UNICEF rinnova il suo invito, a tutte le parti in conflitto e a coloro che esercitano influenza su di loro, di proteggere i bambini sempre.

Coloro che combattono in Siria nordorientale e nel resto del paese devono proteggere le infrastrutture civili e non usarle a scopi militari.


Durante l’offensiva o la difesa, tutte le parti dovrebbero agire per:

  • Evitare di attaccare aree in cui si potrebbero trovare civili, inclusi i bambini;
  • Prevenire la separazione dei bambini da coloro che se ne prendono cura;
  • Permettere un accesso senza ostacoli alle organizzazioni umanitarie indipendenti per portare assistenza salvavita ai bambini e alle famiglie colpite dal conflitto.


Di fronte al deteriorarsi della situazione, l’UNICEF chiede agli stati membri di rimpatriare i loro cittadini, inclusi i bambini, il più presto possibile, in modo che possano essere protetti dal pericolo.

 

Dichiarazione di Marixie Mercado, Portavoce UNICEF al Palazzo delle Nazioni a Ginevra.

14/10/2019

News ed Aggiornamenti

Un vaccino anti COVID-19 per tutti con la Rete del Dono

Scopri di più