Siria, l'UNICEF condanna l'attacco a Qamishli

2 minuti di lettura

28/07/2016

29 luglio 2016 – L’UNICEF condanna il terribile attacco avvenuto due giorni fa nella città di Qamishli nel nord della Siria.

Nell’attacco sono morte oltre 50 persone, molte delle quali erano bambini. Gli ospedali locali, sovraffollati, hanno garantito cure ad oltre 150 persone rimaste ferite.

L’UNICEF ha avuto notizie di 32 bambini, molti dei quali con ferite gravi, che hanno ricevuto cure presso il principale ospedale di Qamishli.

Oltre 15 abitazioni e 20 negozi sono stati distrutti e i civili feriti sono rimasti intrappolati sotto le macerie. I soccorritori hanno continuato a lavorare per salvare le vite dei sopravvissuti e recuperare i corpi.

Le squadre dell’UNICEF a Qamishli, insieme alle organizzazioni partner locali, hanno garantito cure mediche urgenti per le persone ferite.

In molte aree della Siria, i bambini continuano ad essere uccisi e feriti da attacchi in aree popolate da civili e contro le infrastrutture.

Il 20 luglio, a Idlib, una studentessa è stata uccisa insieme con altre otto persone, in un attacco aereo che ha colpito la scuola in cui stava sostenendo un esame.

I continui combattimenti in aree densamente popolate come Aleppo, Ghouta orientale e altre aree vicino di Damasco, così come Manbij nel nord della Siria, stanno esponendo decine di miglia di bambini a gravi rischi.

Ogni giorno in Siria, i bambini affrontano la minaccia mortale della violenza a scuola, negli ospedali, a casa, mentre giocano, al mercato.

I bambini non hanno un posto sicuro in cui andare. L’UNICEF continua a chiedere a tutte le parti in conflitto in Siria di rispettare gli obblighi delle leggi umanitarie internazionali e di proteggere i bambini e tutti i civili.

(Dichiarazione di Hanaa Singer, Rappresentante UNICEF in Siria)

28/07/2016

News ed Aggiornamenti

Chiama Ora il 800 91 42 49 e dona 9 euro al mese!

Chiama