Sri Lanka, drammatica crisi per i bambini

4 minuti di lettura

26/08/2022

Mentre la crisi economica continua a sconvolgere lo Sri Lanka, sono le ragazze e i ragazzi più poveri e vulnerabili a pagare il prezzo più alto. Lo Sri Lanka, un Paese normalmente noto per la sua rapida crescita economica e il boom del turismo, sta vivendo la sua peggiore crisi economica dall'indipendenza del 1948. Le famiglie saltano i pasti fissi perché gli alimenti di base sono diventati inaccessibili. I bambini vanno a letto affamati, senza sapere da dove verrà il loro prossimo pasto, in un Paese che ha già il secondo più alto tasso di malnutrizione acuta grave dell'Asia meridionale.

Quasi la metà dei bambini dello Sri Lanka ha già bisogno di una qualche forma di assistenza di emergenza. L'istruzione di 4,8 milioni di bambini, già gravemente ostacolata da due anni di interruzione dell'apprendimento, è a rischio perché la frequenza scolastica continua a essere compromessa. L'istruzione dei bambini è ostacolata dalla crisi attuale in molti modi: i bambini non ricevono più il pasto caldo e nutriente che consumavano prima della crisi, mancano gli articoli di cancelleria di base e i loro insegnanti hanno difficoltà con i trasporti.

Stanno già emergendo ulteriori rapporti sull'aumento di abusi, sfruttamento e violenza contro i bambini a causa della crescente pressione economica. In Sri Lanka ci sono già più di 10.000 bambini in istituti, soprattutto a causa della povertà. Questi istituti non sono il luogo migliore per la crescita di un bambino, perché manca il legame con la famiglia. Purtroppo, l'attuale crisi sta spingendo sempre più famiglie a portare i propri figli in questi istituti, poiché non possono permettersi di provvedere al loro mantenimento, compresa l'alimentazione. Se la tendenza attuale continua, i progressi faticosamente raggiunti dai bambini dello Sri Lanka rischiano di essere invertiti e, in alcuni casi, cancellati definitivamente.

L'UNICEF è presente in Sri Lanka da oltre 50 anni. Con il sostegno dei nostri partner, stiamo distribuendo materiale didattico, fornendo pasti ai bambini in età prescolare e trasferimenti di denaro, di cui c'è grande bisogno, alle madri in stato di gravidanza e allattamento. Ma poiché la crisi persiste, è necessario fare molto di più.I bambini devono essere messi al centro della soluzione mentre il Paese lavora per risolvere la crisi.

È necessario garantire la continuità dell'apprendimento per le ragazze e i ragazzi di tutte le età, in modo che possano prepararsi per il loro futuro e siano al riparo dalle minacce del lavoro minorile, dello sfruttamento e della violenza di genere. I servizi sanitari centrali e primari devono avere la priorità, per proteggere donne e bambini da malattie potenzialmente letali e dalla

malnutrizione. Quello che ho visto in Sri Lanka è un monito per gli altri Paesi dell'Asia meridionale.
L'acuta precarietà economica e l'inflazione in tutta l'Asia meridionale sono pronte a minacciare ulteriormente la vita dei bambini - in una regione che già ospitava un quinto delle persone colpite da povertà estrema nel mondo e profonde difficoltà e disuguaglianze che hanno un impatto sulla salute, l'apprendimento e la sicurezza dei bambini, e in una regione che è stata gravemente colpita dal COVID-19.

Se non agiamo subito per proteggere i bambini dai peggiori effetti della recessione economica globale, i bambini della regione più popolata del mondo saranno ulteriormente gettati nella povertà e la loro salute, nutrizione, apprendimento e sicurezza saranno compromessi. Non possiamo permettere che i bambini paghino il prezzo di una crisi che non hanno causato loro. Dobbiamo agire oggi per garantire il loro futuro domani

Dichiarazione di George Laryea-Adjei, Direttore regionale dell'UNICEF per l'Asia meridionale, in seguito a una missione in Sri Lanka.

26/08/2022

News ed Aggiornamenti

Salva i bambini con 9 euro al mese: 800 90 00 83

Chiama