UNICEF e associazioni plaudono per l'avvio del Piano Nazionale Infanzia

2 minuti di lettura

15/07/2010

Le Associazioni e le Organizzazioni di "Batti il cinque!" - la rete promossa da Agesci, Arciragazzi, Cgil, Cnca, Consiglio nazionale Ordine Assistenti sociali, Save the Children Italia e UNICEF Italia, a cui hanno aderito 50 enti di tutta Italia - salutano positivamente l’avvio dell'iter previsto dalla legge per l'adozione del Piano Nazionale per l'Infanzia e l'Adolescenza, quale esito della riunione dell’Osservatorio Nazionale per l’Infanzia e l’Adolescenza del 14 luglio scorso.

Sono importanti i miglioramenti alla “Proposta di schema del III Piano biennale nazionale di azioni e di interventi per la tutela dei diritti e lo sviluppo dei soggetti in età evolutiva” che il sottosegretario senatore Giovanardi e il delegato del ministro del Welfare Sacconi hanno dichiarato di voler accogliere.

Verranno indicati nel Piano i soggetti attuatori delle azioni previste, come già individuati nel documento elaborato dall’Osservatorio e presentato a ottobre 2009.

Verrà assicurato, inoltre, il monitoraggio e la valutazione delle azioni stesse, anche grazie al ruolo dell'Osservatorio Nazionale per l’Infanzia e l’Adolescenza e del Centro Nazionale di Documentazione e Analisi per l'Infanzia e Adolescenza.

Sulle tematiche sono state recepite alcune indicazioni specifiche quali:

  • il riferimento alla necessità di determinare livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali dei minorenni
  • l’inserimento in un quadro di promozione dell’interculturalità delle azioni previste riguardanti i minorenni stranieri, rom, sinti e camminanti
  • importanti innovazioni in tema di giustizia minorile (mantenendo il ruolo dei giudici onorari) e di tutele dei diritti dei bambini e degli adolescenti
  • la ridefinizione delle procedure per l’adozione e azioni di sostegno al diritto del minorenne ad essere ascoltato.                                                                                         

ll Piano verrà ora esaminato dalla Commissione parlamentare Infanzia.

Le Associazioni propongono fin da ora alla presidente della Commissione Alessandra Mussolini un incontro per discutere su alcuni temi rimasti esclusi dal Piano: in particolare, le proposte per favorire la partecipazione dei bambini e dei ragazzi, così come sancito dalla Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, le proposte di modifica in tema di acquisizione della cittadinanza e le risorse da destinare a livello nazionale e regionale per la piena attuazione dei diritti dei bambini e degli adolescenti che vivono in Italia.

Quest’ultimo tema, in particolare, appare di cruciale importanza per garantire al Piano la possibilità di tradursi in azioni concrete.

15/07/2010

News ed Aggiornamenti

Salva i bambini con 9 euro al mese: 800914249

Chiama