UNICEF-FAO-WFP: Sud Sudan, crisi climatica e conflitto causano fame e malnutrizione

8 minuti di lettura

03/11/2022

In Sud Sudan, la fame e la malnutrizione sono in aumento nelle aree colpite da inondazioni, siccità e conflitti, con alcune comunità che rischiano di morire di fame senza un sostegno all'assistenza umanitaria e senza un potenziamento delle misure di adattamento climatico. Ѐ l'allarme lanciato oggi dalle Nazioni Unite.

L'ultima Scala di Classificazione integrata della sicurezza alimentare (IPC), pubblicata oggi, mostra che circa due terzi della popolazione sud-sudanese (7,76 milioni di persone) dovrà probabilmente affrontare un'insicurezza alimentare acuta durante la stagione di magra di aprile-luglio 2023, mentre la malnutrizione colpirà 1,4 milioni di bambini.

L'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO), il Fondo delle Nazioni Unite per l'infanzia (UNICEF) e l'agenzia ONU World Food Programme (WFP) avvertono che la percentuale di persone che affrontano malnutrizione e alti livelli di insicurezza alimentare (IPC Fase 3 di crisi o superiore) è al livello più alto di sempre, superando anche i livelli osservati durante il conflitto nel 2013 e nel 2016. Il calo della sicurezza alimentare e l'elevata prevalenza della malnutrizione sono dovuti a un insieme di fattori quali conflitto, cattive condizioni macroeconomiche, eventi climatici estremi e l'aumento vertiginoso dei costi di cibo e carburante. Contemporaneamente, si è registrato un calo dei finanziamenti per i programmi umanitari a fronte, invece, di un costante aumento dei bisogni umanitari.

Un paese in prima linea nella crisi climatica

"Per tutto l'anno abbiamo lavorato per la prevenzione della carestia ed evitato le conseguenze peggiori, ma non basta", ha detto Makena Walker, Direttrice ad interim del WFP in Sud Sudan. "Il Sud Sudan è in prima linea nella crisi climatica e ogni giorno ci sono famiglie che perdono casa, bestiame, campi e speranze a causa del clima estremo. Senza l'assistenza alimentare umanitaria, milioni di persone in più si troveranno in una situazione sempre più disastrosa e incapaci di fornire anche alimenti di base alle loro famiglie".

Le inondazioni senza precedenti che stanno colpendo da anni il paese stanno esacerbando i livelli già alti di fame causati dal conflitto in corso e dalla crisi alimentare globale. Le zone centrali del Paese, quelle più colpite dalle inondazioni pluriennali, sono le aree con i più alti livelli di insicurezza alimentare.

"Il sostegno ai mezzi di sussistenza è particolarmente necessario per facilitare l'autosufficienza del Sud Sudan nella produzione alimentare. Sappiamo che il potenziale esiste, poiché nel 2021 sono state prodotte circa 840.000 tonnellate di cereali, durante un anno difficile che ha visto cambiamenti climatici, inondazioni, conflitti e altri fattori all'opera. Con l'attuale deficit di 541.000 tonnellate di cereali, sono necessari investimenti urgenti nei mezzi di sussistenza rurali per aumentare la produzione e l'autosufficienza", ha detto Meshack Malo, Rappresentante della FAO in Sud Sudan.


Una crisi nutrizionale che si sta aggravando

Sebbene ci siano stati minimi miglioramenti nella sicurezza alimentare in alcune parti del paese, la crisi nutrizionale in tutto il Sud Sudan si sta aggravando. Tutte le contee tranne una registrano un deterioramento della situazione nutrizionale fino a giugno 2023, comprese 44 contee in cui la situazione è considerata critica.

"Negli ultimi tre anni, le inondazioni hanno colpito in maniera drammatica un numero crescente di persone in tutto il Sud Sudan", ha detto Jesper Moller, Rappresentante dell'UNICEF in Sud Sudan. "Tra quelli colpiti, troviamo un numero crescente di bambini malnutriti e che soffrono di insicurezza alimentare, che la comunità internazionale non può ignorare. Per proteggere efficacemente i bambini dagli effetti del cambiamento climatico, dobbiamo raggiungere quelli più vulnerabili con una serie di interventi essenziali multisettore nei servizi sociali".

"Il rapporto IPC è il prodotto di mesi di raccolta e analisi di dati, con la partecipazione di governo, agenzie delle Nazioni Unite, ONG e altri partner", ha aggiunto Sara Beysolow Nyanti, Residente delle Nazioni Unite e Coordinatrice umanitaria per il Sud Sudan. "Dati di qualità come questi sono fondamentali per formulare piani di risposta umanitaria per aiutare a soddisfare i bisogni delle persone nel paese. Queste cifre mostrano che la popolazione del Sud Sudan ha più che mai bisogno di sostegno. È fondamentale avere l'impegno dei donatori per il 2023 così da poter prevenire un peggioramento della situazione umanitaria in tutto il Paese".

Entro i prossimi mesi è necessario ricevere risorse per la risposta umanitaria del 2023 in Sud Sudan. In assenza di ciò, le agenzie non riusciranno a preposizionare l'assistenza umanitaria in tempo per il prossimo anno, lasciando milioni di famiglie a rischio di sprofondare nella fame.

Nota per la stampa

Saranno 7,76 milioni le persone che dovranno affrontare una grave insicurezza alimentare acuta durante la stagione di magra di aprile-luglio 2023. Di questi, 2,9 milioni di persone potrebbero essere ad un passo dall'inedia (IPC livello 4) e altri 43.000 potrebbero trovarsi nella fase di "catastrofe" (IPC livello 5) di insicurezza alimentare acuta. Durante la stagione di magra 2023, ci saranno 47 contee in cui la maggioranza della popolazione sarà in "emergenza" (IPC livello 4).

Negli stati di Jonglei e Unity, è probabile che, rispettivamente, il 74 e il 77% della popolazione si trovi nella fase 3 (crisi) o superiore dell'IPC, con sacche di popolazione che hanno sperimentato l'insicurezza alimentare acuta della fase 5 (catastrofe) dell'IPC per il periodo da aprile a luglio 2023.
Nel frattempo, l'Equatoria orientale, nel sud-est del paese, ha registrato il deterioramento più significativo della sicurezza alimentare nelle contee del Sud Sudan colpite dalla siccità del Corno d'Africa. La siccità ha colpito tutta la grande regione di Kapoeta, decimando mezzi di sussistenza e devastando raccolti e bestiame.

I numeri IPC si basano sul presupposto che le persone continueranno a ricevere assistenza alimentare umanitaria durante la stagione di magra del 2023. Senza questo aiuto alimentare, le cifre sarebbero significativamente peggiori. Inoltre, va notato che l'insicurezza ha impedito di raccogliere dati nella contea di Panyikang, nello stato dell'Alto Nilo, un'area con livelli storicamente elevati di insicurezza alimentare.

#    #   #

L'agenzia ONU World Food Programme è la più grande organizzazione umanitaria al mondo impegnata a salvare vite nelle emergenze e la cui assistenza alimentare vuole costruire un percorso di pace, stabilità e prosperità per quanti si stanno riprendendo da conflitti, disastri e dall'impatto del cambiamento climatico.

L'Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO) è l'agenzia specializzata delle Nazioni Unite che guida gli sforzi internazionali per sconfiggere la fame. L'obiettivo della FAO è raggiungere la sicurezza alimentare per tutti e garantire che le persone abbiano accesso regolare a cibo sufficiente e di alta qualità per condurre una vita sana ed attiva.

L'UNICEF promuove i diritti e il benessere di ogni bambino, in tutto ciò che facciamo. Insieme ai nostri partner, lavoriamo in 190 paesi e territori per tradurre questo impegno in azioni concrete, concentrando sforzi speciali per raggiungere i bambini più vulnerabili ed esclusi, a beneficio di tutti i bambini, ovunque.

Seguici su Twitter: @wfp_SouthSudan, @FAOSouthSudan, @unicefssudan

Per maggiori informazioni, contattare:
FAO - Tanya Birkbeck, tanya.birkbeck@fao.org , +211 920 490 149
UNICEF - Richard Ruati , rruati@unicef.org,  +211 921 359 578
WFP - Gemma Snowdon, gemma.snowdon@wfp.org , +211 925 430 085

03/11/2022

News ed Aggiornamenti

Salva i bambini con 9 euro al mese: 800 90 00 83

Chiama