Sud Sudan: i bambini di Bentiu devono affrontare una drammatica crisi per la mancanza di acqua

2 minuti di lettura

21/04/2014

Più di un milione di persone è sfollato a causa del conflitto in Sud Sudan. Secondo l’UNICEF, decine di migliaia di persone fuggite la scorsa settimana dalle violenze etniche mirate a Bentiu, ricevono un solo litro di acqua potabile al giorno nella base delle Nazioni Unite, disperatamente sovraffollata.

Per l’UNICEF questo afflusso - più di 10.000 persone arrivate la scorsa settimana, che portano la popolazione del sito della Missione di Protezione dei civili delle Nazioni Unite  a circa 23.000 persone – unito alla continua insicurezza e all'inizio della stagione delle piogge - ha creato una pressione insostenibile sulla risposta di emergenza.

"Coloro che sono sopravvissuti alle violenze terribili devono ora affrontare il rischio reale di contrarre fatali epidemie di  malattie causate dall’acqua” - ha detto il Rappresentante dell'UNICEF in Sud Sudan, Jonathan Veitch - "I bambini hanno subito violenze indicibili. Non devono continuare a soffrire in luoghi che dovrebbero fornire loro sicurezza". 

I camion che portano acqua fresca ogni giorno al campo devono affrontare tragitti poco sicuri e spesso vengono bloccati su strade fangose dalle forti piogge; queste ultime hanno anche reso inagibili un certo numero di latrine al campo, dove ora è utilizzabile una latrina ogni 350 persone. Molti dei partner umanitari dell'UNICEF hanno dovuto lasciare la zona a causa della situazione di insicurezza.

L'UNICEF ha mantenuto il personale a Bentiu e sta rapidamente rispondendo ai bisogni più urgenti, come nuovi pozzi per l'acqua e la costruzione di nuove latrine. 

Tuttavia, il lavoro dell’UNICEF è ostacolato dalla mancanza di fondi e dalla diffcoltà di raggiungere le popolazioni. 

L'UNICEF continua a chiedere a coloro che occupano posizioni di comando e di leadership di tenere i bambini fuori dai pericoli e di garantire un accesso sicuro al lavoro umanitario.

Come puoi aiutare i bambini del Sud Sudan 


Anche tu puoi contribuire a salvare la vita dei bambini in Sud Sudan con una donazione online oppure con uno degli altri modi per donare:

  • bollettino di c/c postale numero 745.000, intestato a UNICEF Italia, specificando la causale “Emergenza Sud Sudan”  

  • carta di credito online sul nostro sito oppure telefonando alNumero Verde UNICEF 800 745 000 

  • bonifico bancario sul conto corrente intestato a UNICEF Italia su Banca Popolare Etica: IBAN IT51 R050 1803 2000 0000 0510 051, specificando la causale “Emergenza Sud Sudan

  • donazione presso il Comitato UNICEF della tua città (trova qui quello più vicino a te)

21/04/2014

News ed Aggiornamenti

Salva i bambini con 9 euro al mese: 800914249

Chiama