UNICEF-OMS, arrivati in Siria camion con due milioni di dosi di vaccini orali contro il colera

4 minuti di lettura

01/12/2022

A Damasco, in Siria, sono arrivati camion che trasportano due milioni di dosi di vaccini orali contro il colera. Da quando l'epidemia è stata dichiarata il 10 settembre, sono stati segnalati decine di migliaia di casi sospetti di diarrea acquosa acuta in tutti i governatorati.

"Sia gli adulti che i bambini sono a rischio di contrarre la malattia, ma spesso sono i bambini a sopportare il peso delle malattie gravi e della morte. Procurare e consegnare tempestivamente i vaccini è una priorità assoluta per l'UNICEF, dato che continuano a essere segnalati casi in Siria", ha dichiarato Ghada Kachachi, Rappresentante ad interim dell'UNICEF in Siria.

I vaccini saranno utilizzati durante una campagna di vaccinazione che inizierà il 4 dicembre per raggiungere le persone vulnerabili nei governatorati più colpiti: Aleppo, Ar-Raqqa, Al-Hasakah e Deir ez-Zor.
"Il colera è una minaccia per la salute pubblica che colpisce la salute delle popolazioni e impone costi considerevoli ai sistemi sanitari pubblici. L'arrivo del vaccino contro il colera dimostra l'impegno collettivo di tutti i partner sul campo per contenere la diffusione del colera e migliorare la risposta sanitaria umanitaria per proteggere, promuovere e garantire la salute di tutti i siriani che hanno bisogno di aiuto in tutto il Paese", ha dichiarato Iman Shankiti, Rappresentante ad interim dell'OMS in Siria. "Questi vaccini fanno parte di una risposta globale e, per contenere l'epidemia, dobbiamo assicurarci di portare avanti le nostre azioni congiunte per migliorare le reti idriche, sensibilizzare la popolazione e fornire cure ai pazienti colpiti", ha aggiunto Shankiti.

Un approccio multisettoriale

L'OMS e l'UNICEF, insieme al Ministero della Salute, stanno adottando un approccio multisettoriale per controllare l'epidemia. Le agenzie stanno mobilitando forniture essenziali per l'acqua e l'igiene e sanitarie, servizi di risposta e consulenza nei governatorati colpiti. Ciò include la fornitura di kit e materiali per il trattamento del colera, tra cui test diagnostici rapidi e compresse per il trattamento domestico dell'acqua.

L'UNICEF sostiene la distribuzione di ipoclorito di sodio per aumentare il dosaggio e la concentrazione di cloro nelle fonti d'acqua domestiche, al fine di prevenire e contenere la diffusione della malattia. L'UNICEF coinvolge le comunità attraverso media selezionati e colloqui, visite porta a porta e messaggi chiave sulle cause, i sintomi e la prevenzione del colera.

L'OMS sta lavorando per monitorare costantemente la qualità dell'acqua nelle aree ad alto rischio, per migliorare la sorveglianza sul colera nelle aree ad alto rischio a livello di strutture sanitarie e comunità e per rafforzare le capacità di laboratorio. L'OMS, l'UNICEF e i partner sanitari hanno anche sostenuto la creazione di centri di reidratazione orale e di trattamento della diarrea e stanno lavorando per aumentare le capacità nazionali di gestione dei casi di colera, anche estendendo i servizi di trattamento del colera al livello dell'assistenza sanitaria primaria per garantire che tutte le comunità siano raggiunte.

"Se da un lato siamo tutti impegnati a rispondere con urgenza a questa epidemia, dall'altro è altrettanto importante investire nei sistemi sanitari e nei servizi idrici e igienici, che sono alla base dei servizi essenziali di cui i bambini e le famiglie vulnerabili hanno disperatamente bisogno", ha aggiunto la Rappresentante UNICEF Kachachi.

01/12/2022

News ed Aggiornamenti

Salva i bambini con 9 euro al mese: 800 90 00 83

Chiama