UNICEF verso COP27: entro il 2050 oltre 2 miliardi di bambini dovranno affrontare frequenti ondate di calore

7 minuti di lettura

27/10/2022

Nell'agosto 2021, l'UNICEF ha lanciato l'Indice di rischio climatico dei bambini, il primo indice climatico al mondo incentrato sui bambini. L'indice ha rilevato che 1 miliardo di bambini a livello globale - quasi la metà dei bambini del mondo - sono esposti a un "rischio estremamente elevato" di subire shock climatici come ondate di calore, cicloni, inondazioni e scarsità d'acqua.

Quest'anno abbiamo analizzato più da vicino le ondate di calore e il modo in cui i bambini ne sono colpiti, col rapporto: "L'anno più freddo del resto della loro vita. Proteggere i bambini dall'impatto crescente delle ondate di calore".

Grazie ai nostri partner di The Data Collaborative for Children, che hanno guidato questa analisi, vorrei condividere quattro risultati e cifre chiave.

559 milioni di bambini, ovvero 1 su 4, sono attualmente esposti a una frequenza elevata di ondate di calore. Entro il 2050, si prevede che quasi tutti i bambini sulla terra - poco più di 2 miliardi - dovranno affrontare frequenti ondate di calore, indipendentemente dal fatto che il mondo raggiunga uno "scenario a basse emissioni di gas serra" - con un riscaldamento stimato di 1,7 gradi nel 2050 - o uno "scenario a emissioni di gas serra molto elevate", con un riscaldamento stimato di 2,4 gradi nel 2050.

528 milioni di bambini sono colpiti oggi da un'elevata durata delle ondate di calore. Questa cifra salirà a 1,6 miliardi di bambini nel 2050 in uno "scenario a basse emissioni di gas serra" o a 1,9 miliardi di bambini in uno "scenario a emissioni di gas serra molto elevate".

28 milioni di bambini sono esposti oggi a una gravità elevata delle ondate di calore. In uno scenario a "basse emissioni di gas serra", il numero di bambini esposti sarà quasi quadruplicato, raggiungendo i 100 milioni. In uno scenario a "emissioni molto elevate", il numero di bambini esposti aumenterà di quasi otto volte, raggiungendo i 212 milioni.

740 milioni di bambini vivono oggi in Paesi che registrano un caldo estremo, con 84 o più giorni all'anno che superano i 35 gradi Celsius. Questa cifra salirà a circa 816 milioni entro il 2050 in uno "scenario a emissioni di gas serra molto elevate.

Crescenti pericoli rappresentati dai cambiamenti climatici

Quest'anno - in tutto il mondo - abbiamo avuto la prova dei crescenti pericoli rappresentati dai cambiamenti climatici. Dalle inondazioni storiche in Asia, alle siccità mortali in Africa, agli incendi e alle ondate di calore che hanno colpito l'India, l'Europa e il Nord America, è chiaro che la crisi climatica è arrivata e sta avendo un impatto devastante sul benessere dei bambini e dei giovani di tutto il mondo.

I neonati e i bambini piccoli sono meno capaci di regolare la loro temperatura corporea rispetto agli adulti, il che li espone a un rischio maggiore quando sono colpiti dal caldo elevato. Oltre a minacciare la salute dei bambini, le ondate di calore minacciano anche il loro accesso al cibo e all'acqua, la loro istruzione e i loro futuri mezzi di sostentamento.

L'anno scorso molti di noi hanno affrontato ondate di caldo estremo nelle città in cui vivono. E mentre ci spostavamo in casa, bevevamo di più, chiudevamo le scuole in alcuni luoghi e adottavamo molte altre misure per mantenere noi stessi e i nostri giovani al sicuro, una conclusione spaventosa è apparsa evidente a tutti noi: se pensate che quest'estate sia stata calda, aspettate l'anno prossimo, e l'anno dopo ancora, e l'anno dopo ancora. Infatti, per i nostri bambini, questo è stato probabilmente l'anno più freddo della loro vita.

C'è un'ingiustizia intrinseca in tutto questo: alcuni dei Paesi meno responsabili della crisi climatica sono quelli che si riscaldano più velocemente e che affrontano gli impatti più frequenti e dannosi. I bambini delle comunità più povere affrontano i rischi maggiori delle ondate di calore, ma spesso ricevono meno sostegno. È più probabile che non abbiano accesso a meccanismi di adattamento che potrebbero offrire protezione, come l'aria condizionata, un riparo, l'acqua per l'idratazione e l'assistenza sanitaria per le cure. Dobbiamo dotare le comunità delle risorse necessarie per resistere alle ondate di calore che inevitabilmente dovranno affrontare. Quindi, ancora una volta, lanciamo un allarme.

Agire immediatamente

L'UNICEF chiede ai leader mondiali adesso e alla COP27 in Egitto il mese prossimo di agire immediatamente per proteggere i bambini dalla devastazione climatica adattando i servizi sociali essenziali su cui fanno affidamento, come l'acqua, la salute, la nutrizione e l'istruzione. Tutti i servizi sociali devono essere attenti al clima e tutte le politiche e i piani climatici devono essere attenti ai bambini.

I Paesi sviluppati devono mantenere gli impegni assunti alla COP26 di raddoppiare i finanziamenti per l'adattamento climatico, portandoli almeno a 40 miliardi di dollari all'anno entro il 2025, come passo verso la destinazione di almeno 300 miliardi di dollari all'anno per l'adattamento entro il 2030.  Tutti i governi devono rivedere i loro piani climatici nazionali e ridurre le emissioni di almeno il 45% entro il 2030 per mantenere il riscaldamento a non più di 1,5 °C. I Paesi del G20 dovrebbero agire in prima linea.

Inoltre, la COP 27 deve rappresentare un momento per ribadire che tutti i bambini e i giovani devono essere inclusi in tutti i processi decisionali relativi al clima. Nel 2019, durante la COP25 a Madrid, un gruppo di Leader mondiali si è unito ai giovani attivisti in un momento storico: per firmare una Dichiarazione intergovernativa sui bambini, i giovani e l'azione per il clima. Come uno dei custodi della Dichiarazione, l'UNICEF sta chiedendo agli Stati che non l'hanno già fatto di aderire alla Dichiarazione in occasione della prossima COP27.

Dichiarazione di Paloma Escudero, Capodelegazione dell'UNICEF alla COP27 e Direttore della Comunicazione e dell'Advocacy.

In Italia

Secondo i dati del Rapporto, in Italia, nel 2050, quasi tutti i bambini saranno colpiti dalle ondate di calore elevate in entrambi gli scenari.

Per sensibilizzare bambini, giovani e famiglie sui temi del cambiamento climatico e della sostenibilità ambientale, l'UNICEF Italia ha lanciato la campagna "Cambiamo Aria: la crisi climatica è una crisi dei diritti delle bambine e dei bambini". Accedendo al link misurailtuoimatto sarà possibile partecipare a un breve quiz sulle proprie abitudini di consumo e reperire informazioni utili per un eventuale miglioramento.

Definizioni:

  • Ondate di calore - qualsiasi periodo di 3 o più giorni in cui la temperatura massima giornaliera supera del 10% la media locale di 15 giorni.
  • Alta frequenza di ondate di calore - quando si verificano in media 4,5 o più ondate di calore all'anno.
  • Durata elevata delle ondate di calore - quando l'evento medio di ondata di calore è durato 4,7 giorni o più.
  • Gravità elevata delle ondate di calore - quando l'evento medio di ondata di calore è di 2°C o più al di sopra della media locale di 15 giorni.
  • Temperature estremamente alte - quando, in media, 83,54 o più giorni all'anno superano i 35°C.
  • Scenario 2050 numero uno - uno "scenario a basse emissioni di gas serra" con un riscaldamento stimato di 1,7 gradi entro il 2050. Si tratta di uno scenario consolidato utilizzato nella modellistica climatica e definito dall'IPCC come "SSP1".
  • Scenario 2050 numero due - uno "scenario ad altissime emissioni di gas serra" con un riscaldamento stimato di 2,4 gradi entro il 2050. Si tratta di uno scenario consolidato utilizzato nella modellistica climatica e definito dall'IPCC come "SSP5".
Documenti disponibili

Coldest year heatwaves and children (Report completo in inglese)pdf / 8.84 Mb

Download

27/10/2022

News ed Aggiornamenti

Salva i bambini con 9 euro al mese: 800 90 00 83

Chiama