Yemen, Un appello per riprendere a pagare gli stipendi dei 145 mila insegnanti

2 minuti di lettura

07/10/2018

6 ottobre 2018 - Il violento conflitto nello Yemen sta colpendo gravemente l'istruzione di milioni di bambini in tutto il paese e anche gli insegnanti pagano un pesante tributo .
 
La guerra ha spinto almeno mezzo milione di bambini a lasciare la scuola dal 2015, e altri 3,7 milioni rischiano di perdere quest'anno scolastico se gli insegnanti non vengono pagati.
 
UNICEF, UNESCO e Education Cannot Wait, la Global Partnership for Education chiedono la ripresa del pagamento degli stipendi dei 145.000 insegnanti yemeniti, che insegnano ai bambini in circostanze disastrose e potenzialmente letali.
 
Ulteriori ritardi nel pagamento degli insegnanti porteranno probabilmente al crollo del settore dell'istruzione e avranno un impatto su milioni di bambini nello Yemen, rendendoli vulnerabili al lavoro minorile, al reclutamento nei combattimenti, alla tratta, agli abusi e ai matrimoni precoci.
 
Gli insegnanti che non ricevono uno stipendio regolare da due anni, non possono più soddisfare i loro bisogni più elementari e sono stati costretti a cercare altre fonti di reddito per provvedere alle loro famiglie.
 
La comunità globale deve unirsi per porre fine alla violenza contro i bambini dello Yemen e proteggere il loro diritto all'istruzione.
 
Non c'è tempo da perdere. Un'intera generazione di bambini sta affrontando la perdita della loro istruzione - e del loro futuro.
 
Senza il nostro impegno e la nostra azione collettiva, non riusciremo a rispettare l'Agenda 2030 - Non lasciare nessun bambino e nessun insegnante indietro.
 
UNICEF, UNESCO e Education Cannot Wait, la Global Partnership for Education si impegnano a continuare a sostenere un'istruzione equa e inclusiva di qualità per tutti i bambini yemeniti.
 
L’appello è stato lanciato in occasione della Giornata Mondiale degli Insegnanti 2018 (celebrata ieri), dedicata a “Il diritto all’istruzione significa diritto ad un insegnante qualificato”.

07/10/2018

News ed Aggiornamenti

Chiama Ora il 800 91 42 49 e dona 9 euro al mese!

Chiama