tool

Haiti: rallenta l'epidemia, efficace l'azione umanitaria

Una madre col suo bambino nell'accettazione dell'ospedale di Grand Dessalines, Haiti: nella sua mano, alcune bustine di sali reidratanti per contrastare la diarrea acutissima provocata dal colera - ©UNICEF/NYHQ2010-2149/M.Dormino -
Una madre col suo bambino nell'accettazione dell'ospedale di Grand Dessalines, Haiti: nella sua mano, alcune bustine di sali reidratanti per contrastare la diarrea acutissima provocata dal colera - ©UNICEF/NYHQ2010-2149/M.Dormino -
Salgono a 300 i morti, ma la virulenza dell'epidemia rallenta e soprattutto il colera non ha raggiunto la capitale: merito degli interventi di cura e prevenzione messi in atto dalle organizzazioni umanitarie e dalle autorità locali. Pronto un piano per lo scenario peggiore

Mentre il bilancio delle vittime supera quota 300 e il numero di malati ricoverati è di oltre 4.700, le autorità sanitarie locali e le organizzazioni umanitarie come l'UNICEF e l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) cominciano a vedere i frutti dei propri sforzi congiunti per contenere l'epidemia di colera che nell'ultima settimana ha funestato Haiti.

Il Ministero della salute haitiano afferma che nelle ultime ore il numero di decessi è stato decisamente inferiore rispetto ai primi giorni della crisi, e che l'emergenza è confinata ai dipartimenti Artibonite (76% dei casi) e Central (23%).

Non si è palesata quindi la temutissima estensione del contagio alla capitale Port-au-Prince, dove oltre un milione di sopravvissuti al terribile terremoto del 12 gennaio vivono in condizioni precarie ed estremamente vulnerabili dal punto di vista igienico-sanitario.

Priorità assoluta, proteggere la capitale

«Stiamo lavorando in stretta cooperazione con le altre agenzie ONU e con le Organizzazioni non governative per aiutare il Ministero della salute haitiano a prevenire l'ulteriore dilagare dell'infezione» riferisce Jean-Claude Mubalama, a capo dei programmi sanitari dell'UNICEF Haiti. «Se il contagio si diffonde a Port-au-Prince avremo enormi problemi da fronteggiare, data la situazione in cui vivono gli sfollati

Le autorità haitiane e le organizzazioni umanitarie stanno mettendo a punto un piano di emergenza per affrontare lo scenario peggiore - l'arrivo del colera a Port-au-Prince.

Il piano prevede tra le altre misure l'immediato isolamento dei casi conclamati di infezione. L'UNICEF sta allestendo nella capitale 3 centri per la cura del colera, che si spera non dovranno mai essere utilizzati. 

Analogo sforzo di prevenzione è in corso nel dipartimento Nord, dove finora sono stati registrati solo due casi di colera: qui l'UNICEF ha già allestito due strutture ricettive in tenda per gli esami clinici e lo smistamento dei malati verso centri specializzati. 

Funzionano invece a pieno ritmo le operazioni di prevenzione e cura del colera a Saint Marc e nelle altre località del dipartimento Artibonite, che prende il nome dal fiume le cui acque, inquinate a seguito di un'esondazione, sono ormai state individuate come la culla dell'epidemia.

Qui la situazione umanitaria non può essere raccontata in modo più efficace che non con le parole di testimoni oculari, come Douglas Armour del Comitato inglese dell''UNICEF.

 

L'azione dell'UNICEF

L'UNICEF si sta impegnando a contenere l'epidemia sia distribuendo farmaci ed equipaggiamento medico, sia contribuendo  alla massiccia campagna di sensibilizzazione e informazione volta a prevenire nuovi contagi.

In tre città (Drouin, Dessalines e Saint Michel de l'Attalaye) l'UNICEF ha distribuito ieri 30.000 sacchetti di sali reidratanti alla popolazione, che si aggiungono alle 400mila confezioni già diffuse nel resto del dipartimento nei giorni scorsi.

La terapia di reidratazione orale, sottolinea il Ministero della salute haitiano, consente di curare efficacemente in casa circa l'80% dei casi di colera.

I messaggi di prevenzione sono veicolati con ogni mezzo - dalla radio ai camion muniti di amplificatori, dai volantini agli SMS telefonici. Costante è l'ammonimento a lavarsi le mani prima e dopo l'uso delle latrine e la preparazione dei cibi, a smaltire in maniera sicura i rifiuti e le deiezioni, a bere esclusivamente acqua imbottigliata, bollita o disinfettata con cloro, a non consumare vegetali crudi e a sospendere ogni contatto fisico con persone affette da colera.

Un'attività di prevenzione specifica è quella che riguarda l'infanzia: l'UNICEF ha condotto sessioni di educazione all'igiene in 450 "Spazi a misura di bambino", ambienti in cui i più piccoli giocano e socializzano all'interno dei campi di accoglienza per i terremotati.. Ne hanno beneficiato oltre 60.000 bambini nelle aree colpite dal terremoto di gennaio.



https://www.unicef.it//doc/1881/haiti-rallenta-epidemia-colera-efficace-azione-umanitaria.htm

footer
Comitato Italiano
per l'UNICEF onlus
Via Palestro 68, 00185 Roma
Numero Verde 800-745.000
Cod. Fis. 015619 205 86
C/C postale 745.000
IBAN IT55 O050 1803 2000 0000 0505 010
email info@unicef.it
www.unicef.it