tool

Fernando Alonso con l'UNICEF in India per un ''Gran Premio'' contro le malattie infantili

Fernando Alonso con i bambini di Tugarpur (India) durante la visita del 25 ottobre 2012 - ©UNICEF India/2012-03/Prashanth Vishwanathan -  -
Fernando Alonso con i bambini di Tugarpur (India) durante la visita del 25 ottobre 2012 - ©UNICEF India/2012-03/Prashanth Vishwanathan - -
In India per difendere il primato in classifica nel Gran premio di domenica, il pilota di Formula 1 e Ambasciatore UNICEF Fernando Alonso è in pole position anche nella difesa dei bambini dalle malattie veicolate dalla scarsa igiene nelle scuole

Il campione di Formula 1 e Ambasciatore UNICEF Fernando Alonso ha partecipato oggi a una visita presso una scuola elementare nel villaggio di Tugarpur, nello Stato indiano di Uttar Pradesh (a un'ora a sud-est di Nuova Delhi), per promuovere la pratica del lavaggio delle mani con il sapone

«Questa azione molto semplice può salvare centinaia di migliaia di bambini che muoiono ogni anno» ha detto il pilota.

In India, più di 1.000 bambini muoiono ogni giorno di diarrea a causa della mancanza di acqua potabile e di servizi igienici di base. 

«L'igiene è fondamentale per una buona salute in quanto riduce la trasmissione della malattia ed il numero di morti» ha ribadito Alonso. 

Infatti, la pratica di lavarsi le mani con il sapone in momenti critici - dopo aver utilizzato i servizi igienici, prima di mangiare e prima di preparare il cibo - può ridurre l'incidenza della diarrea nei bambini sotto i cinque anni di oltre il 40%


Acqua e sapone, una "formula vincente" contro le infezioni batteriche


In India, alunni di ben 1,3 milioni di scuole partecipano alle celebrazioni della Giornata Internazionale per la pulizia delle mani, le cui attività si protraggono in India per un intero mese. 

«Arrestare la diffusione delle malattie diarroiche non è complicato o costoso. Non hai bisogno di una formula vincente per salvare la vita di milioni di bambini in tutto il mondo. La soluzione esiste già: acqua e sapone. Quindi dobbiamo: 'inumidire, strofinare, lavare”, un'abitudine per tutti. La scuola è il posto migliore per iniziare a diffondere il messaggio», ha sottolineato il campione spagnolo.

Durante la visita, che coincide con il Gran Premio di Fomula 1 che si terrà a Nuova Delhi domenica prossima. 28 ottobre, Alonso ha dialogato con alunni e insegnanti sul problema dell'acqua e dei servizi igienici nelle scuole. 

Fernando Alonso con i bambini della scuola di Tugarpur, nell'Uttar Pradesh (India) - ©UNICEF India/2012-01/Prashanth_Vishwanathan

Fernando Alonso con i bambini della scuola di Tugarpur, nell'Uttar Pradesh (India) - ©UNICEF India/2012-01/Prashanth_Vishwanathan


Dopo avere riconosciuto gli sforzi fatti dal Governo indiano in favore dell'istituzionalizzazione della pratica del lavaggio delle mani con sapone nelle scuole, l'Ambasciatore UNICEF ha sottolineato l'importanza delle strutture igienico-sanitarie come fattore fondamentale per garantire l'iscrizione dei bambini a scuola e la frequenza. 

«Servizi igienici adeguati, associati al rispetto di norme igieniche integrate nel regolamento scolastico, favoriscono un ambiente sano per tutta la comunità, riducendo i tassi di abbandono scolastico e migliorando il rendimento degli alunni. Questi sono elementi di fondamentale importanza per le bambine e le ragazze» ha dichiarato Alonso.

Sue Coates, responsabile dell'UNICEF India per Acqua e Igiene, che ha accompagnato Alonso durante la visita, ha spiegato: «Stiamo sostenendo il Governo indiano nello sforzo per rendere istituzionale la pratica del lavaggio delle mani con sapone nelle scuole prima del pranzo: in questo modo, ogni giorno oltre 110 milioni di bambini saranno raggiunti da questo semplice messaggio di prevenzione delle malattie.»



https://www.unicef.it//doc/4224/fernando-alonso-india.htm

footer
Comitato Italiano
per l'UNICEF onlus
Via Palestro 68, 00185 Roma
Numero Verde 800-745.000
Cod. Fis. 015619 205 86
C/C postale 745.000
IBAN IT55 O050 1803 2000 0000 0505 010
email info@unicef.it
www.unicef.it