tool

Proteggere i bambini rimasti soli, priorità per l'UNICEF nell'Indonesia del post-tsunami

Hilwa, 6 anni, piange nel centro per senzatetto in cui si trova a Palu (Indonesia). La mamma si è allontanata per andare a cercare il suo fratellino, scomparso durante lo tsunami del 28 settembre © UNICEF/UN0240351/Wilander -  -
Hilwa, 6 anni, piange nel centro per senzatetto in cui si trova a Palu (Indonesia). La mamma si è allontanata per andare a cercare il suo fratellino, scomparso durante lo tsunami del 28 settembre © UNICEF/UN0240351/Wilander - -
Team dell'UNICEF al lavoro per identificare e proteggere i bambini rimasti isolati dai familiari a seguito del terremoto e dello tsunami del 28 settembre scorso

5 ottobre 2018 – L’UNICEF e un team di operatori sociali del Ministero degli Affari Sociali indonesiano hanno dato inizio al processo di identificazione dei minorenni rimasti separati dai genitori a seguito del terremoto e dello tsunami del 28 settembre scorso.
 
In assenza di dati ufficiali, le prime notizie indicano un alto numero di minorenni rimasti separati dai familiari. Nelle aree colpite sono stati allestiti 12 centri per l’identificazione di questi bambini, utilizzati come spazi sicuri in cui essi possono giocare e iniziare ad affrontare i traumi.

Messaggi per identificare e segnalare i bambini rimasti isolati stanno circolando attraverso canali digitali e con foto affisse nei centri per gli sfollati.

L’UNICEF sta aiutando il Ministero degli Affari Sociali ad utilizzare il database Primero, l’unico sistema disponibile nel paese per l’identificazione e il ricongiungimento familiare, e che l'UNICEF aveva iniziato a sviluppare ancora prima del terremoto, in coordinamento con le autorità indonesiane.
  
«Da quando il terremoto e lo tsunami hanno colpito l'isola di Sulawesi, l’UNICEF sta mobilitando risorse per sostenere l'intervento di emergenza del Governo indonesiano» ricorda Amanda Bissex, Responsabile per la protezione dell'infanzia dell'UNICEF Indonesia. «Nei prossimi giorni, costruiremo 'Spazi a misura di bambino', aule temporanee e distribuiremo kit ricreativi per aiutare i bambini a superare l’impatto del disastro»
   
Quando si verifica un’emergenza umanitaria, i bambini hanno bisogno di una protezione speciale affinché siano garantiti la loro sicurezza e il loro benessere psico-fisico.
 
L’UNICEF e il Ministero degli Affari Sociali indonesiano stanno formando gli operatori sociali a prevenire i casi di violenza, abuso o sfruttamento

Inoltre, insieme alle organizzazioni partner, l'UNICEF garantirà un supporto psicosociale ai bambini traumatizzati dal disastro. 

È possibile sostenere la nostra azione umanitaria anche dall'Italia, con una donazione su questo sito


https://www.unicef.it//doc/8545/indonesia-proteggere-bambini-rimasti-soli-dopo-terremoto-e-tsunami.htm

footer
Comitato Italiano
per l'UNICEF onlus
Via Palestro 68, 00185 Roma
Numero Verde 800-745.000
Cod. Fis. 015619 205 86
C/C postale 745.000
IBAN IT55 O050 1803 2000 0000 0505 010
email info@unicef.it
www.unicef.it