tool

Ciclone Idai, arrivano i primi aiuti in Malawi

Malawi . Distribuzione dellezanzariere trattate con inzetticida nel campo Bangula Admarc a Nsanje © UNICEF/UN0288667/Phwitiko -  -
Malawi . Distribuzione dellezanzariere trattate con inzetticida nel campo Bangula Admarc a Nsanje © UNICEF/UN0288667/Phwitiko - -
Gli aiuti dell’UNICEF cominciano ad arrivare nelle aree colpite da violenti piogge e inondazioni nel Malawi meridionale

19 marzo 2019 – Gli aiuti dell’UNICEF cominciano ad arrivare nelle aree colpite da violenti piogge e inondazioni nel Malawi meridionale, portando un po’ di sollievo alle famiglie nei centri di evacuazione.

Gli aiuti comprendono migliaia di pacchetti di sali per la reidratazione orale, antibiotici e centinaia di zanzariere trattate con insetticida.

Dona ora per i bambini colpiti dal ciclone Idai

L’UNICEF sta lavorando in coordinamento con il Governo del Malawi e il Team Paese delle Nazioni Unite per una risposta umanitaria congiunta.

«Dopo un disastro come le recenti inondazioni, la priorità dell’UNICEF è di aiutare i bambini e le famiglie che hanno perso le loro case e vivono nei centri di evacuazione o con altre famiglie nelle loro comunità,» ha dichiarato Johannes Wedenig, Rappresentante UNICEF in Malawi.

«Abbiamo aiuti di emergenza già preposizionati nelle aree del Malawi che sono regolarmente colpite da disastri naturali, che ci hanno consentito di muoverci velocemente per rispondere ai bisogni immediati delle persone.»

Più di 922.900 persone sono state coinvolte nell’emergenza nei 14 distretti colpiti dal 9 marzo, compresi circa 460.000 bambini, secondo i dati del Dipartimento per la Gestione e la Preparazione ai Disastri (DoDMA).  Ci sono anche 56 morti e 577 persone ferite.

Ulteriori piogge associate al Ciclone Idai stanno ostacolando la risposta umanitaria, con un accesso alle comunità vulnerabili già limitato. Delle migliaia di famiglie costrette a lasciare le proprie case inondate, molte non hanno aiuti di base compresi cibo, acqua e servizi igienico sanitari.

Le inondazioni hanno già interrotto i programmi di apprendimento per migliaia di bambini.
Al 19 marzo, sono arrivate nelle aree colpite:

Questi aiuti vengono distribuiti con l’aiuto di partner UNICEF compresi autorità distrettuali, Medici Senza Frontiere, Croce Rossa, United Purpose e World Vision.

Ulteriori forniture sono state spedite dai magazzini e sono in transito verso le zone colpite: 

Oltre a questi aiuti, l'UNICEF sta formando insegnanti volontari e sostenendo il DoDMA per valutare la situazione utilizzando droni.

Le foto e i video acquisiti dal drone della zona colpita vengono utilizzati per valutare i danni causati dalle inondazioni agli edifici e ai campi e per aiutare a pianificare la risposta umanitaria.

L'UNICEF e altre agenzie dell'ONU stanno mobilitando risorse per la risposta. Al fine di rispondere rapidamente, l'UNICEF richiede fondi ai donatori, compresa la riassegnazione dei fondi esistenti, per rispondere ai bisogni più urgenti.

L'UNICEF stima un fabbisogno di 8.265.000 dollari USA per soddisfare le necessità immediate e a medio termine dei bambini e delle donne in tutte le aree colpite.


È possibile sostenere l’UNICEF su
donazioni.unicef.it



https://www.unicef.it//doc/8944/ciclone-idai-arrivano-i-primi-aiuti-in-malawi.htm

footer
Comitato Italiano
per l'UNICEF onlus
Via Palestro 68, 00185 Roma
Numero Verde 800-745.000
Cod. Fis. 015619 205 86
C/C postale 745.000
IBAN IT55 O050 1803 2000 0000 0505 010
email info@unicef.it
www.unicef.it