Caserta

Dialoghi sulla sostenibilità: Caritas, UNICEF e Università “Vanvitelli” insieme per una conversione ecologica a Caserta

2 minuti di lettura

10/10/2022

Il 21 ottobre p.v. presso il sito di San Leucio a Caserta si terrà l’evento conclusivo del progetto presentato il 09/10/2021, presso la Biblioteca diocesana e nato dal partenariato tra il settore “Educazione allo Sviluppo Sostenibile” della Caritas Diocesana, l’Università Campana L. Vanvitelli, e l’UNICEF-Caserta.

E’stato proposto agli studenti di cinque Istituti secondari di Secondo Grado che hanno aderito all’iniziativa: I.T.S. “M. Buonarroti”, I.S. “G. Ferraris”, Itis-LS “F. Giordani”, Liceo Statale “A. Manzoni”, Liceo Artistico Statale “S. Leucio”.

Abbiamo suddiviso la programmazione in una fase seminariale svolta dai docenti universitari, attinenti la Questione Ambientale e la Sostenibilità, nelle sue dimensioni economica, ambientale e sociale ed in parallelo una fase esperienziale, sul tema dell’alimentazione sostenibile. Un laboratorio che ha coinvolto il Ferraris, nella raccolta dell’umido; il Buonarroti nell’allestimento di una compostiera e la semina negli orti predisposti dell’istituto; il Giordani nelle analisi chimiche dei prodotti; l’artistico di S. Leucio per la parte delle video riprese e del packaging; il Manzoni nella presentazione della Dieta Mediterranea e relative ricette.

Il progetto è stato ulteriormente arricchito dalla distribuzione di un questionario sullo “spreco alimentare”, redatto dalla ricercatrice del Crea Prof.ssa Nadia Palmieri, cui hanno aderito 1.060 famiglie di studenti. 
A fronte della realizzazione operativa del progetto, tuttavia, va sottolineato il significato di senso che ne ha permeato il percorso, tanto più attuale, per l’imminente aggravarsi del contesto socio-economico del nostro paese. Ovverossia la spinta verso una “conversione ecologica”, che ponga la questione ambientale al centro delle proprie scelte quotidiane, dall’alimentazione, all’abbigliamento, ai consumi, avendo ben presente l’impatto ambientale che ciascuna di tali scelte può determinare.  Non disgiunte da una riscoperta della sobrietà e della condivisione, della valorizzazione del riciclo e dell’allungamento della vita dei beni. Un’esperienza “pedagogica”, in definitiva, decisamente positiva sia dal punto di vista della qualità del lavoro di gruppo tra Istituti, senza precedenti nel territorio casertano e, ci auguriamo, sia sul piano didattico e formativo per i ragazzi.

L’iniziativa, ha affermato la presidente Rosalia Pannitti, rafforza la campagna Cambiamo Aria di UNICEF Italia che ha l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica sul fatto che la “crisi climatica è una crisi dei diritti dei bambini e degli adolescenti” e per sostenere la partecipazione di giovani e adolescenti sui temi del cambiamento climatico e sostenibilità.

10/10/2022

News locali correlate

Salva i bambini con 9 euro al mese: 800 90 00 83

Chiama