Civitavecchia

A Civitavecchia cristiani e musulmani nel segno della solidarietà

2 minuti di lettura

08/07/2011

Martedì  5  luglio,  presso  l’aula consiliare del Comune di Civitavecchia, si è svolta una interessante conferenza a cui hanno preso parte i volontari del Comitato UNICEF di Civitavecchia.

Un evento organizzato dalla Rete dei Cittadini per parlare e dibattere sul concetto di accoglienza, particolarmente sentito dalla città di Civitavecchia  che da sempre, in quanto porto di transito per  molti popoli, apre le braccia a persone provenienti da luoghi lontani.

Hanno dato il loro contributo l’ex parlamentare europeo Alessandro Battilocchio che ha parlato della straordinaria forza della primavera araba scoppiata pochi mesi fa grazie a molti giovani che hanno denunciato, attraverso  i social network, le  loro condizioni.

L'Onorevole Gianni De Michelis, ex Ministro degli Esteri, oggi Presidente dell’IPALMO, Istituto per le relazioni tra l'Italia e i paesi dell'Africa, America Latina, Medio ed Estremo Oriente, ha ribadito che non servono ostacoli tra il cristianesimo e l’islamismo ma  dialogo.

Presenti il Prof. Livio Spinelli  del GAR, Gruppo Archeologico Romano e Don Giorgio Picu responsabile diocesano di “Migrantes" e il  Prof. Francesco Zannini, oggi  docente di arabo all’Istituto Pisai di Roma.  

Nel corso della conferenza alcuni immigrati ospiti  alla Caserma “De Carolis” di Civitavecchia, assistiti da due  traduttrici, hanno ringraziato il Sindaco e i cittadini per l’accoglienza  ricevuta.

Il Sindaco di Civitavecchia Gianni Moscherini, rivolto  ai   tanti volontari di varie organizzazioni  e alla cittadinanza,  ha ringraziato per la solidarietà e l’assistenza ai 700 tunisini ospiti a Civitavecchia, città  da sempre  abituata  all’accoglienza, a rapporti, incontri, fusioni interculturali  e interreligiose.

08/07/2011

News locali correlate

Chiama Ora il 800 91 42 49 e dona 9 euro al mese!

Chiama