[/diritti/documenti/dettaglio.htm]
AREA

Garante per l'infanzia

Sottoscritto a Torino un Protocollo d’intesa biennale per iniziative congiunte a tutela dei minori

Un momento della firma del protocollo con la regione Piemonte

29 marzo 2019 - Promuovere iniziative congiunte per far conoscere i diritti dei minori, per celebrare la Giornata nazionale per l’Infanzia - che cade il 20 novembre - e per programmare incontri formativi rivolti a chi, sul territorio, opera per e con i minori.

È, in sintesi, quanto prevede il Protocollo d’intesa siglato mercoledì 27 marzo a Palazzo Lascaris tra garante regionale dell’Infanzia e dell’Adolescenza del Piemonte e Unicef.

«A poco più di un mese dal Protocollo d’intesa firmato, a livello nazionale, tra Unicef e Conferenza dei presidenti delle Assemblee legislative delle Regioni e delle Province autonome» ha dichiarato il presidente del Consiglio regionale Nino Boeti aprendo la cerimonia.

«Sono lieto che in Piemonte questo impegno si rinnovi oggi con la garante dell’Infanzia e dell’Adolescenza perché la difesa dei minori e dei loro diritti sono materia di cui le istituzioni devono farsi sempre più carico».

Di durata biennale, il documento impegna le parti a individuare priorità d’azioni condivise che possono spaziare dalla promozione dei contenuti della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza all’organizzazione di attività per i minori, dallo scambio di buone pratiche al coinvolgimento delle autorità competenti per segnalare situazioni di difficoltà.

Per la garante Rita Turino «si tratta di un naturale rafforzamento della collaborazione che deve sussistere tra due realtà votate alla totale realizzazione di tutti i diritti riconosciuti ai minori della nostra regione, dal momento che sono moltissimi i temi e gli ambiti comuni.

L'unione tra tutte le istituzioni e le realtà che fanno del loro scopo principale il benessere delle future generazioni non può che potenziare e rendere più produttivo l’operato di tutti».

La presidente Unicef Piemonte Maria Costanza Trapanelli, accompagnata dal responsabile del Comitato provinciale di Torino Antonio Sgroi, ha espresso la propria soddisfazione per aver siglato il protocollo proprio nell’anno in cui cade il trentesimo anniversario della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza:

«In trent’anni» – ha aggiunto – «moltissimo è stato fatto per i diritti dei minori, tuttavia bisogna continuare a tenere alta l’attenzione.

A partire dai territori, rendendo i ragazzi e le ragazze protagonisti e concentrandosi su quelli a maggiore rischio di esclusione sociale e fragilità.

Siamo sicuri che attraverso la preziosa collaborazione con la garante molto potremo fare per migliorare la situazione dei bambini e dei ragazzi in Piemonte»